laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Regione Liguria riconsegna alla Provincia la Strada dei Santuari alle Cinque Terre, chiusa dal 2011

Investiti 3,7 mln di euro. Assessore Giampedrone: “Mantenuta promessa di riaprire entro la primavera di quest’anno. Oggi rimarginiamo una ferita profonda e diamo un forte segnale di rilancio al territorio”. 

GENOVA – “Riapre, dopo sei anni di chiusura, la strada provinciale 51, la cosiddetta ‘Strada dei Santuari’, interrotta dal 2011 a seguito degli eventi alluvionali di eccezionale entità che avevano colpito particolarmente la Val di Vara e la zona costiera delle Cinque Terre, soprattutto Vernazza e Monterosso. Con un investimento complessivo pari a 3 milioni e 700mila euro, Regione Liguria riconsegna alla Provincia della Spezia la strada che collega Corniglia, Vernazza, Riomaggiore e Manarola con Monterosso e Levanto.

6

“Con la giornata di oggi – afferma l’assessore alle Infrastrutture e Difesa del suolo, Giacomo Giampedrone – rimarginiamo una ferita che era rimasta aperta e scolpita nelle menti e nei cuori dei cittadini di quel territorio, segnati da quella tragica alluvione, dando loro un forte segnale di ripresa e rilancio. Questa arteria – aggiunge – è di particolare importanza, strategica non solo per gli abitanti di quelle zone ma anche per le sue caratteristiche di grande pregio e rilevanza turistica. Oggi finalmente diamo una risposta fondamentale per un territorio che da sei anni attendeva di tornare a condizioni di normalità”.

5

Inoltre, partiranno a luglio e termineranno nell’autunno prossimo anche i lavori di ripristino definitivo del dissesto dell’intero versante a monte della strada: Regione Liguria ha stanziato 416mila euro e Ire (la società ingegneristica in house dell’ente) svolgerà l’attività di stazione appaltante, direzione lavori, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione fino alla redazione del certificato di corretta esecuzione. “Non solo abbiamo lavorato per accelerare il più possibile i tempi di riapertura ripristinando le frane che avevano bloccato i lavori principali ma – conclude Giampedrone – abbiamo stanziato ulteriori risorse affinchè l’arteria sia completamente in sicurezza”.