laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Posizione della lista “Spezia Bene Comune” in vista del ballottaggio di domenica 25 giugno

Più informazioni su

LA SPEZIA – Spezia Bene Comune è una lista di cittadinanza attiva, dove si pratica il confronto, pertanto si è riunita per valutare e discutere l’esito delle elezioni.

Ci riteniamo molto soddisfatti del risultato ottenuto, soprattutto alla luce delle risorse a disposizione della lista, che ci incoraggia a proseguire nel lavoro sulle tematiche portate avanti in campagna elettorale, in particolare attraverso la presenza sul territorio ovunque, partendo dalle periferie. Ringraziamo quindi i 1.861 spezzini che hanno creduto in questo progetto, nato in poco tempo, ma che è riuscito a dare una vera rappresentanza alla sinistra a livello locale.

Allo stesso tempo, per svolgere al meglio il nostro lavoro, ci doteremo di una struttura organizzativa, incaricata di tenere i rapporti con tutte le altre realtà esistenti nel Paese, con liste con caratteristiche, obbiettivi e orientamenti simili alla nostra. Naturalmente ci impegneremo e saremo sempre presenti sul territorio, in modo da offrire il giusto supporto al lavoro del consigliere Massimo Lombardi e dare voce a tutti coloro che hanno riposto in noi la loro fiducia e che condividono i nostri progetti.

Per quanto riguarda il risultato delle elezioni sono evidenti le seguenti tendenze: la destra ha avuto un risultato positivo, anche se non quanto quello ottenuto alle elezioni regionali; il PD è incorso nella sua più grave sconfitta, frutto delle politiche neoliberiste condotte a livello nazionale e dei risultati molto negativi dell’amministrazione comunale uscente proprio negli ambiti più delicati, con politiche ambigue, compromessi sempre al ribasso e decisioni succubi ai poteri forti, a danno dei ceti più deboli. Spezia Bene Comune d’altronde ha sempre espresso con chiarezza gli errori e le contraddizioni della giunta uscente, da Acam al porto, passando per la sanità e l’abbandono delle periferie. Il M5S ha subito un significativo arretramento, conseguenza delle scelte settarie e di chiusura alla società civile, a partire dalla scelta del candidato a sindaco.

Spezia Bene Comune è l’unica forza di sinistra che ha avuto un significativo successo, a differenza delle altre liste che hanno corso sostenendo candidati espressione della continuità dell’amministrazione. Spezia Bene Comune quindi avrà l’onore e l’onere di rappresentare i suoi elettori all’interno del consiglio comunale, attraverso Massimo Lombardi, precisando che lo farà in stretta collaborazione con tutte le realtà democratiche del territorio.

Per quanto riguarda infine la questione del ballottaggio del prossimo 25 giugno lo sconfortante spettacolo di improbabili apparentamenti, di accordi trovati all’ultima ora, di trattative sottobanco non appartiene al modo di intendere la politica di Spezia Bene Comune, che si chiama fuori da questa prospettiva. Il mandato chiesto agli elettori e da loro ricevuto è quello di rappresentare una forza del tutto alternativa sia alla destra, nelle sue varie declinazioni, che al PD e al suo modo di governare e a questo mandato intendiamo restare fedeli. Centro sinistra e centro destra ormai rappresentano un modo logoro di affrontare la politica, risultando così due facce della stessa medaglia e gli elettori lo hanno capito, in molti non sono nemmeno andati a votare.

Il nostro scopo è e resta quello di realizzare un progetto alternativo. Naturalmente non abbiamo l’ambizione, o la tracotanza, di condizionare la volontà del nostro elettorato, maturo e responsabile, ognuno dei nostri elettori sceglierà come comportarsi al ballottaggio. A noi il compito difficile, ma entusiasmante, di riportare la voce del dissenso in consiglio comunale, di rilanciare le nostre proposte, di accogliere nella nostra casa comune la sinistra disastrata da queste elezioni.

Siamo certi quindi che gli elettori, i quali ovviamente sono liberi di determinarsi secondo coscienza, capiranno e sosterranno la nostra scelta.

Più informazioni su