laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Ponte e Bertagna al Canaletto Sepor

Più informazioni su

LA SPEZIA – Ancora due colpi nel campionato di Prima categoria del Canaletto Sepor che conferma le proprie ambizioni.

Il direttore sportivo Fabrizio Vaccarini regala al proprio tecnico Clodio Bastianelli due elementi di provata esperienza con un passato prestigoso come il laterale sinistro Giulio Ponte e il portiere Edoardo Bertagna.

Giulio Ponte classe 1987, proveniente dalla Tarros Sarzanese è cresciuto nel settore giovanile della Sampdoria, poi dopo l’Alessandria in serie D, ha giocato sette anni in Eccellenza con la Fezzanese (vincendo un campionato nel 2014/15), poi nel dicembre 2015 si è trasferito al Valdivara.

Non ha bisogno di presentazione invece il portiere Edoardo Bertagna, classe 1990, cresciuto nel settore giovanile dello Spezia calcio, dove ha giocato in serie D nella prima squadra dell’era Volpi, dopo il fallimento con mister Marco Rossi, poi Sarzanese, Acqui calcio, quattro stagioni con la Fezzanese dove ha conquistato anche la storica promozione in Serie D, Ceparana e Tarros Sarzanese.

Non si nasconde il nuovo mister dei canarini, Clodio Bastianelli: «Due innesti di valore – afferma l’ex allenatore del Follo San Martino – due ragazzi dal grande patrimonio tecnico e soprattutto dagli immensi valori umani che ci aiuteranno a far maturare i numerosi giovani che abbiamo in organico. Sono contento che hanno accettato di scendere in un campionato che si presenta ai nastri di partenza come una vera e propria Promozione.

Il presidente Cerrone e il direttore Vaccarini mi hanno chiesto di riportare il Canaletto Sepor in un biennio nel campionato che merita viste le grandi tradizioni, ma le avversarie sono veramente molto temibili. Non sarà facile ma dobbiamo assolutamente premiare gli sforzi che sta facendo la società, cercando intanto di puntare alla zona play off».

Fabrizio Vaccarini, neo responsabile dell’area tecnica e organizzativa dei gialloblu mette però in guardia tutti: «La società si aspetta molto dalla Prima squadra e sopratutto dalla Juniores – afferma Vaccarini – il campionato di Prima categoria è un torneo insidioso dove i giovani faticano ad esprimersi, quindi stiamo costruendo una struttura tecnica per permettere di valorizzarli nel migliore dei modi. In questo è senz’altro molto meglio la Promozione dove vi è anche la terna arbitrale. Nella Juniores, abbiamo molti ragazzi di qualità, pronti al grande salto che rappresentano il nostro futuro, sono certo che i nuovi mister Bastianelli e Gianardi daranno il meglio di se stessi proprio per farli crescere nel migliore dei modi».

Più informazioni su