laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Presa in carico del paziente oncologico, ASL5 avvia ambulatorio di “cure simultanee”

Più informazioni su

Equipe multidisciplinare con oncologi, medici palliativisti, psico-oncologi e onco-psichiatri. 

LA SPEZIA – “Vogliamo porre ancora di più l’attenzione sui bisogni del paziente oncologico con malattia metastasica o sintomatica: attraverso l’applicazione di ‘cure simultanee’, intese come l’integrazione precoce delle cure palliative concomitanti alle terapie antitumorali, si vuole garantire al paziente e alla sua famiglia la miglior qualità di vita”. Maria Antonietta Banchero, Direttore Sanitario dell’Asl 5 “Spezzino”, presenta così l’attivazione del nuovo ambulatorio di Cure Simultanee per pazienti con malattie oncologiche in fase avanzata, che aprirà da giovedì 20 luglio presso la S.C. Oncologia diretta dal dottor Carlo Aschele.

L’attivazione dell’equipe multidisciplinare prevede il coinvolgimento collegiale di oncologi, medici palliativisti, psico-oncologi e onco-psichiatri, che concorreranno alla definizione del setting di cura più adeguato al paziente.

“I sintomi fisici della malattia, assieme a quelli psicologici, sociali e spirituali – prosegue il Direttore Sanitario dell’Asl5 –, condizionano la qualità della vita del malato e della sua famiglia. Per questo motivo appare utile associare precocemente le cure palliative ai trattamenti antitumorali, per garantire non solo un beneficio sulla qualità della vita, ma anche un prolungamento della sopravvivenza”.

Il modello delle Cure Simultanee richiede un’interazione strutturata tra oncologo, medico di medicina generale e altre figure specialistiche “al fine di costruire un percorso condiviso e unitario in grado di ridurre lo stress e le fonti di disorientamento al paziente – specifica Maria Antonietta Banchero –. Un approccio multidisciplinare necessario per la precoce ricognizione e presa in carico dei sintomi fisici e psico-emozionali della malattia, che richiede il coinvolgimento simultaneo, assieme all’oncologo, dello specialista in Cure palliative e dello psico-oncologo o psichiatra dedicato”.

Il nuovo ambulatorio condiviso di Cure Simultanee, situato al piano terra del Padiglione 5 dell’Ospedale Sant’Andrea (le prenotazioni saranno effettuate dagli specialisti all’interno del nosocomio) fino a settembre sarà aperto ogni giovedì dalle 14.30 alle 16.30, mentre da ottobre riceverà i pazienti sempre il giovedì, ma dalle 12 alle 14.

L’ambulatorio è dedicato a pazienti con neoplasia in stadio avanzato del distretto toracico, cervico-cefalico, esofago-gastrico, pancreatico, bilio-digestivo, in progressione dopo una prima linea di chemioterapia.

Più informazioni su