laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Andrea Stella ha incontrato Papa Francesco

Più informazioni su

Il capitano del progetto WoW-Wheels on Waves ha affidato a Papa Francesco la “Convenzione per i diritti delle persone con disabilità” portando così a termine la missione del viaggio transoceanico a bordo del catamarano accessibile “Lo Spirito di Stella”.

Il progetto WoW-Wheels on Waves ha portato a termine la sua missione: mercoledì 13 settembre Andrea Stella ha consegnato a Papa Francesco la Convezione per i Diritti delle Persone con Disabilità che lo scorso maggio aveva preso in custodia a New York dal Segretario Generale dell’Onu Antonio Guterres all’inizio del lungo viaggio per lanciare dal mare un appello ad abbattere tutte le barriere fisiche e mentali. Dopo aver percorso settemila miglia e attraversato l’Oceano Atlantico a bordo del primo catamarano al mondo completamente accessibile alle persone con disabilità, l’importate documento è stato affidato al Santo Padre durante l’Udienza in Vaticano alla presenza del Segretario di Stato per gli Affari Esteri Nicola Renzi e del Ministro Plenipotenziario Maria Alessandra Albertini della Repubblica di San Marino che hanno sostenuto fin dall’inizio il progetto e hanno reso possibile questo importante incontro grazie anche alla preziosa collaborazione del Segretario Particolare del Segretario di Stato agli Affari Esteri Samuele Guiducci.

Andrea-Stella

“Abbiamo coronato questo grande sogno – sono le parole di Andrea Stella al termine dell’incontro con Papa Francesco – Abbiamo raccontato al Santo Padre il progetto, il viaggio che ha portato questo importante documento nelle sue mani e l’impegno di tutti coloro che hanno preso parte a questa missione, non solo gli organizzatori ma anche tutte quelle persone che l’hanno sostenuta aiutandoci a diffonderla e diventando membri del grande equipaggio di “WoW”. Una grande emozione, ma soprattutto un importante risultato per il mondo della disabilità. La missione è compiuta, ora rimane da fare la cosa più importante: impegnarci per difendere ogni giorno i diritti delle persone con disabilità”.

Sono giorni di grandi emozioni per l’Associazione “Lo Spirito di Stella” e il suo presidente Andrea Stella che l’8 settembre scorso ha ricevuto dal Capo dello Stato Sergio Mattarella il premio di rappresentanza per il progetto “WoW” con l’augurio per il successo dell’iniziativa.

papa-francesco

Conclusa la missione, continua, però, il viaggio di “WoW”. Nella mattinata di mercoledì 13 settembre il catamarano accessibile “Lo Spirito di Stella” è ripartito da Napoli dopo quattro giorni di sosta alla Sezione Velica della Marina Militare. Nuovi protagonisti sono saliti a bordo del catamarano che sta navigando in rotta verso Messina dove approderà venerdì 15 settembre. Nelle prossime settimane il catamarano raggiungerà le ultime tappe italiane, Crotone, Rimini e Trieste, per partecipare alla Barcolana 2017. Infine, l’arrivo a Venezia previsto per il 15 ottobre.

IL VIAGGIO DI “WOW”

“WoW” è un progetto dell’Associazione “Lo Spirito di Stella”, nata nel 2003 dal sogno di Andrea Stella di tornare a navigare nonostante la sedia a rotelle. È un viaggio lungo sei mesi, dagli Stati Uniti fino a Venezia, a bordo del catamarano “Lo Spirito di Stella”, il primo al mondo completamente accessibile. Il catamarano è salpato lo scorso

26 aprile da Miami. Il 26 maggio è iniziata la traversata oceanica di tre settimane da New York fino al Portogallo. Prima di partire, Andrea Stella ha incontrato il Segretario Generale dell’Onu Antonio Guterres per prendere in custodia la “Convenzione per i Diritti delle Persone con Disabilità” che sarà consegnata a Papa Francesco a settembre quando il catamarano arriverà a Roma. La traversata atlantica si è conclusa il 25 giugno con l’arrivo del catamarano accessibile al porto di Portimão. Dopo aver navigato le coste del Portogallo, dello Spagna e della Francia, il 25 agosto è arrivata in Italia in attesa dell’incontro con Papa Francesco. Il viaggio del catamarano accessibile prosegue lungo lo Stivale suddiviso in nove tappe da La Spezia a Messina, per poi risalire fino a Trieste dove la barca parteciperà l’8 ottobre alla Barcolana 2017. Il viaggio si concluderà con l’arrivo a Venezia previsto per il 15 ottobre.

Queste le tappe del viaggio:

26/04-04/05:         Miami (Florida)-Norfolk (Virginia)

06/05-09/05:       Norfolk (Virginia)-Annapolis (Maryland)

12/05-16/05:       Annapolis (Maryland)-Great Kills (New York)

17/05-18/05:       Great Kills (New York)-New York (New York)

26/05-15/06:       New York (New York)-IsoleAzzorre (Portogallo)

17/06-30/06:       Isole Azzorre (Portogallo)-Portimão (Portogallo)

13/07-18/07:       Portimão (Portogallo)-Gibilterra (Regno Unito)

20/07-26/07:       Gibilterra (Regno Unito)-Cartagena (Spagna)

28/07-03/08:       Cartagena (Spagna)-Valencia (Spagna)

05/08-10/08:       Valencia (Spagna)-Barcellona (Spagna)

12/08-18/08:       Barcellona (Spagna)-Tolone (Francia)

21/08-25/09:       Tolone-La Spezia

31/08-01/09:       La Spezia-Rosignano

04/09-06/09:       Rosignano-Roma

08/09-09/09:       Roma-Napoli

13/09-15/09:       Napoli-Messina

16/09-19/09:       Messina-Crotone

20/09-25/09:       Crotone-Rimini (San Marino)

30/09-02/10:       Rimini-Trieste

08/10-15/10:       Trieste-Venezia

 

ANDREA STELLA E IL CATAMARANO “LO SPIRITO DI STELLA”

Era l’agosto del 2000 quando una sera, mentre si trovava a Miami per un viaggio-premio di laurea, Andrea Stella si imbatté in tre malviventi intenti a rubare la sua auto. Uno dei tre, pur non minacciato, gli puntò una pistola e sparò due colpi che lo ferirono al fegato e ad un polmone. Dopo 45 giorni di lotta tra la vita e la morte, il risveglio dal coma fu accompagnato dalla scoperta di dover ricostruire la propria vita da una sedia a rotelle per la lesione che una delle due pallottole aveva provocato alla colonna vertebrale. Ripresosi dal tragico episodio, Andrea coltivò il sogno di tornare a navigare, ma dovette prendere atto che al mondo non esisteva un’imbarcazione in cui una persona disabile potesse essere autonoma sia per le esigenze personali che per partecipare alle manovre veliche. Con il fondamentale supporto della propria famiglia, progettò il primo catamarano al mondo completamente accessibile. Nel 2004 Andrea Stella, accompagnato anche da velisti del calibro di Giovanni Soldini e Mauro Pelaschiar, compì il viaggio in catamarano da Genova a Miami.

Più informazioni su