laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Memorial Pietro Lopresti alla Polisportiva Nuovi Orizzonti di Novara

Più informazioni su

Un lotto di partenti degni di un campionato italiano hanno dato vita a due gare di altissimo livello organizzate dal Pedale Spezzino, rese ancor più dure dalla pioggia che ha imperversato la prova dei corridori dalla partenza all’arrivo.

La gara del primo anno ha visto al via una ottantina di corridori frai quali i lombardi Belletta e Casalini, il toscano Savino, oltre al ligure Raccagni, al piemontese Bozzola ed allo spezzino Piergiorgio Cozzani che lottavano per la conquista di piazzamenti nella classifica annuale assoluta di rendimento.

Il percorso previsto è stato modificato dai Direttori di Corsa Gentile e Spadaccini in accordo con la giuria eliminando il passaggio del Debbio al fine di evitare la ripida discesa, la gara è vissuta sulla fuga di due esordienti donne, Serena Romeo Brillante e Serena Semoli che sono fuggite a metà gara e non sono state più raggiunte anche per lo stretto controllo che c’è’ stato in gruppo.

L’arrivo posto in vetta al Debbio ha visto la ligure Serena Romeo Brillante (Ciclistica Bordighera) liberarsi abbastanza facilmente della compagna di fuga ed ottenere il successo davanti alla toscana Semoli, mentre il ligure Andrea Noviero Raccagni (G.S.Levante) con il terzo posto è riuscito a conquistare il terzo gradino del podio nella Classifica Annuale di rendimento riservata agli atleti del primo anno. Piergiorgo Cozzani della Tarros Junior Cycling Team, primo degli spezzini ha indossato la maglia di Campione Provinciale.

La gara del secondo anno che ha visto prima del via il Campione Italiano Manuel Oiuoli premiato da Simone Mannelli, presidente del Collegio Revisori dei Conti della Federciclismo e Corrado Cozzani del Pedale Spezzino, è vissuta sulla fuga di otto atleti tra i favoriti, lo stesso Manuel Oiuoli, il campione dell’Emilia Romagna Pellicciari, il friulano Bertolutti, l’altro emiliano Cattani, il lombardo Anselmi ed i toscani Russo, Zingoni e Dani.

Ai piedi della salita gli otto di testa hanno rallentato per studiarsi e su di loro sono piombati l’inglese Jenson Duggy Brown ed il toscano Matteo Bozicevich, il campione italiano Manuel Oiuoli con una notevole progressione ha trionfato nettamente tagliando il traguardo a braccia alzate, mentre Matteo Bozicevich ha conquistato un sorprendente secondo posto.

Il Memorial Sergio D’Imporzano è andato alla Ciclistica Bordighera di Imperia che si è aggiudicata anche il Trofeo Ego Marble alla società con il maggior numero di atleti classificati nelle due gare, mentre il Memorial Pietro Lopresti è stato appannaggio della società del Campione Italiano Nuovi Orizzonti Polisportiva Invorio di Novara.

Purtroppo è stato annullato a causa della pioggia il Memorial Arcangelo Ferrari per la categoria giovanissimi che avrebbe dovuto svolgersi nel pomeriggio su un percorso cittadino.

ESORDIENTI 1° ANNO:: 1) Serena Brillante Romeo (Ciclistica Bordighera) che copre Km.40 alla media di Km.34,286 – 2) Serena Semoli (Team NPM Chianciano Salute) a 22” -3) Andrea Raccagni Noviero (G.S.Levante) a 39” – 4)Gabriele Casalini (SCO Cavenago) – 5)Raffaele Giovinazzo (Ciclistica Bordighera) – 6) Montanari Lorenzo (Pedale Azzurro Rinascita) – 7) Dario Igor Belletta (Busto Garolfo) – 8) Lorenzo Conforti (G.S.Iperfinish) – 9) Damiano Bondi (Pedale Azzurro Rinascita) – 10) Giacomo Tagliavini (S.C.Cavriago)

ESORDIENTI 2° ANNO: 1) Manuel Oioli (Nuovi Orizzonti Pol.Invorio) che copre i Km.40 alla media di Km.40 – 2) Matteo Lapo Bozicevich (Team Stradella) – 3)Nicolo’ Costa Pellicciari (Davoli Bagnolese Gattatico) – 4) Vincenzo Russo (U.C.Empolese) – 5) Enrico Bertolutti (Pedale Manzanese) a 10” – 6) Tobia Zingoni (G.S.Iperfinish) – 7) Dani Mattia (V.C.Carrara) a 16” – 8) Michael Cattani (S.C.Torrile) – 9) Daniele Anselmi (SCO Cavenago) – 10) Jenson Duggy Brown (Push-Cadrezzate-Guerciotti).

Più informazioni su