laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Circolo Pd Lerici: “Una amministrazione priva di una seria programmazione culturale e turistica naviga a vista senza rotta e timone”

Più informazioni su

LERICI – «Dopo due anni e mezzo, con questa amministrazione  di centro-destra, abbiamo il dovere di fare un bilancio soprattutto per quello che riguarda la  tanto sbandierata  rinascita turistica del territorio da parte del Sindaco e dell’assessore al turismo Luisa Nardone.

I dati di Union Camere recentemente pubblicati: “Il comune di Lerici ha registrato, nel mese di agosto, 11.299 arrivi con una perdita di oltre 1.500 clienti (-12,8%)” mostrano chiaramente che quest’amministrazione, nonostante i proclami, non ha generato alcuna economia legata al turismo.

Abbiamo assistito anche questa estate ad un calendario tristemente povero di contenuti e al conseguente migrare verso le città vicine quel turismo che tanto dicevano di voler attrarre, senza fare nulla per conquistarlo.  Per fare un esempio, la città di Lerici continua ad avere in questo periodo il suo Castello chiuso, è stato aperto per qualche mostra estiva e forse per qualche matrimonio e ora si propone questa giornata sull’estetica e sulla moda…. ma cosa c’entra con il Castello di Lerici?

A questa amministrazione manca la visione prospettica di Lerici che prescinda da estemporanei interventi a breve termine e la inserisca in progetti culturali seri ad ampio e lungo respiro.  Ed osserviamo purtroppo con vero rammarico, che questa Amministrazione è legata al concetto dell’apparenza e non dell’appartenenza e il marchio Lerici Coast ne è figlio.

In generale, manca un progetto per l’economia e lo sviluppo turistico, mancano i servizi, mancano i collegamenti verso le frazioni, manca una programmazione seria per il traffico, per la  pedonalizzazione e la valorizzazione del centro storico…. Le ambizioni turistiche di una città vanno coltivate e programmate con lungimiranza, senza improvvisazioni!

Chiediamo che l’Amministrazione provi ad esibire una storia, un passato, un’identità, dato che il nostro territorio li ha ben radicati. Perché per noi il turismo è materia complessa che richiede una delicata programmazione e non fantasiose soluzioni.

Ci limitiamo a riassumere tutto in una domanda: qual è per questa Amministrazione il concetto di identità culturale?»

Più informazioni su