laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

28° Trofeo nautico 2017

LA SPEZIA – La Dante Alighieri comunica che su segnalazione della commissione premi del Comitato Sabato 11 Novembre presso il salone delle feste del Circolo Ufficiali è stato consegnato a Comsubin il 28° Trofeo nautico 2017 alla presenza di un numeroso pubblico e autorità militari. Dopo il benvenuto del Presidente del Circolo Giovannini il cav. Baldi si è incaricato di consegnare il premio nelle mani dell’amm. Pezzutti con la seguente motivazione :

In quest’ultimo decennio, in cui la situazione internazionale ha mostrato una crescente instabilità, gli operatori del Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei” della Marina Militare sono stati un punto saldo per la nostra società, soprattutto per l’instancabile opera meritoria condotta sul mare e nel mare a favore della collettività, dimostrando così un profondo senso del dovere ed un’infinita umanità.

Presenti in tutti i teatri internazionali dove le nostre Forze Armate sono impegnate da anni, gli Incursori del Varignano rappresentano un’eccellenza della Marina Militare, che la Difesa impiega per la sicurezza del Paese nelle operazioni non convenzionali più complesse e particolari che, molto spesso, possono determinare importanti risvolti strategici. Eredi delle eroiche imprese dei Mezzi d’Assalto della Marina che affascinarono il mondo durante l’ultimo conflitto mondiale, per i loro meriti e le capacità che possono rendere disponibili sono vanto della nostra comunità.

Contestualmente, i Palombari di Comsubin hanno dimostrato capacità professionali e valori umani non comuni che gli hanno permesso di portare a termine con successo numerose missioni, particolarmente sensibili e pericolose, come l’emergenza del Costa Concordia, il crollo della torre del porto di Genova, il naufragio di Lampedusa ed il recente recupero del barcone affondato nel Mediterraneo Centrale nel aprile del 2015. Artificieri subacquei, questi uomini operano quotidianamente nel mare, nei laghi e nei fiumi per la salvaguardia della popolazione, neutralizzando pericolosi ordigni esplosivi residuati bellici che ancora giacciono, a migliaia, nelle acque della nostra Nazione. Terminando con una citazione di Pablo Neruda “Come tutte le cose che imparai nella mia vita, vedendole, conoscendole, forse imparai che fare il Palombaro è un mestiere difficile? No! Infinito”,

A seguire il consigliere dott. Corbani ha illustrato, commentando una sintesi di un film dimenticato “Vulcano “, i primi esperimenti di cinematografia subacquea e l’epopea dei palombari civili tra cui suo padre