laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Caro estinto: tutte le pratiche direttamente alle imprese di onoranze funebri

Più informazioni su

LA SPEZIA –  “Vogliamo essere sempre più vicini a chi perde un proprio caro, cercando di facilitare le operazioni burocratiche”. E’ su queste basi che l’Amministrazione comunale della Spezia ha deciso di mettere in campo  un’innovazione gestionale importante, tra le prime a livello nazionale, che snellisce le procedure e permette al cittadino, in una fase molto delicata della propria vita, di svolgere tutte le pratiche amministrative, relative ai servizi funebri e cimiteriali, presso un unico operatore individuato nelle Agenzie Funebri accreditate presso il  Comune. Sarà quindi possibile definire l’arrivo della salma presso il cimitero, programmare il servizio funebre, acquisire e definire la concessione del tumulo, della sepoltura a terra, della cremazione e procedere al relativo pagamento presso un unico interlocutore.

Le novità sono state anticipate questa mattina dal sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini insieme all’assessore ai servizi cimiteriali Gianmarco Medusei, al Direttore di Dipartimento Claudio Canneti e al funzionario del servizio Massimo Torracca. Il primo cittadino ha presentato l’avvio della fase sperimentale della gestione dei servizi cimiteriali che partirà il primo dicembre prossimo e definitivamente, il primo gennaio 2018. Tutte le imprese che aderiranno al progetto dovranno essere accreditate presso il Comune e dovranno sottoscrivere un patto di integrità adottando una carta dei servizi che chiarisca i rapporti con il cittadino. Il cittadino di fronte al funzionario dell’Agenzia funebre accreditata, da lui scelta, potrà quindi fissare la data e l’orario del funerale, procedere all’individuazione del tipo di sepoltura ovvero alla cremazione e quindi alla sottoscrizione del relativo contratto di concessione.

La gestione prevede inoltre l’implementazione delle attuali modalità di pagamento con il sistema “Pagopa” anche presso l’Agenzia accreditata. Si tratta di un progetto strategico per la regolazione dei pagamenti elettronici verso la pubblica amministrazione il cui obiettivo di fondo è quello di facilitare e diffondere gli strumenti di pagamento elettronici, in particolare quelli riferiti agli incassi della PA, rendendoli più semplici, veloci e trasparenti. Un processo reso possibile in virtù della complessa procedura informatica realizzata dagli uffici comunali in collaborazione con Spezia Risorse e PA Digitale. La procedura interesserà, a regime, tutti i soggetti a vario titolo coinvolti e quindi uffici dello stato civile,  Servizi cimiteriali, Polizia Municipale, Asl 5 e ditte che operano nel settore. Una gestione che ha lo scopo prioritario di migliorare la qualità dei servizi resi al cittadino procedendo nel contempo a razionalizzare le risorse finanziarie e umane, garantendo una sempre maggiore trasparenza. “Linformatizzazione – continua  Peracchini – permetterà inoltre ai cittadini di visitare in maniera virtuale i nostri cimiteri, che ospitano al loro interno importanti opere d’arte, applicando le procedure ampiamente utilizzate da google maps”.

“Procedono  le attività  per la realizzazione del nuovo impianto di cremazione  e servizi  accessori – ha spiegato Canneti –  attraverso una procedura concorsuale di projet financing, nell’area attigua alla via Sarzana e alla via del Camposanto. Il nuovo impianto, che si prevede possa entrare in funzione entro il 2019, si è reso necessario al fine di dare una risposta alla sempre più elevata richiesta di cremazioni che ha raggiunto nel nostro territorio una percentuale pari a circa il 70 per cento”. Il nuovo impinato costerà 1 milione e 800 mila euro. Alcuni dati: la cremazione costa 495 euro, la Inumazione 380 euro; il contratto ha la durata decennale.

Per quanto riguarda la la tumulazione, il prezzo varia a secondo della collocazione  dei loculi: si va da un minimo di 1,750 euro ad un massimo di 5,000 euro: il contratto in questo caso è  di 40 anni.

Più informazioni su