laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La Tarros spreca tutto nell’ultimo quarto

Più informazioni su

A Bra partita in sostanziale equilibrio per le prime tre frazioni, poi cinque triple in cinque minuti consegnano la vittoria ai padroni di casa

“Non posso recriminare nulla ai ragazzi e al coach, anzi se in panchina ci fosse qualcun altro sono convinto che partite come questa le perderemmo con un passivo molto più netto. Tutti hanno dato il meglio ed il massimo”: nonostante la sconfitta, il Presidente della Tarros Danilo Caluri è soddisfatto di quanto fatto dai suoi: “Il Bra ha vinto nell’ultima frazione, grazie al fatto di avere giocatori in grado di fare la differenza: cinque triple, in meno di cinque minuti ed a soli cinque minuti dalla sirena, penso avrebbero costretto tutti ad alzare bandiera bianca. Noi sappiamo di non avere, al momento, un giocatore come può essere, appunto, Carchia che anche oggi è stato decisivo. Abbiamo comunque tanti giovani che hanno dimostrato di essere in continua crescita. Anche in questa partita, è vero, a causa dell’inesperienza e di qualche errore di troppo, abbiamo buttato via tutto nell’ultima frazione; ma se per tre quarti di gara riusciamo a tenere testa praticamente a qualsiasi avversario vuol dire che non è proprio tutto da buttare. Io credo in questo gruppo e nel lavoro e nell’impegno che ci mettono, tutti, ogni giorno. Più che per la sconfitta, sinceramente, mi dispiace per il risultato finale che, ancora una volta, ci penalizza eccessivamente e non rispecchia affatto un incontro che per mezz’ora è stato in equilibrio”.
 
La cronaca del match, infatti, racconta una partita che ha visto il primo quarto condotto dal Bra, la replica della Tarros nel secondo ed una terza frazione giocata punto a punto. Solo i 10 minuti finali, pertanto, sono stati dominati dal Bra, ma tanto è bastato per decidere il risultato.
 
Pronti via ed i padroni di casa si portano subito in avanti ed a sette minuti dalla palla a due prima doppiano gli ospiti sul 14-7 poi incrementano ulteriormente il vantaggio portandolo a 10 lunghezze. Divario sul quale si chiude la frazione. In apertura del secondo quarto Cagliero sigla il +12, poi la partita cambia direzione. In tre minuti la Tarros dimezza lo svantaggio sfoggiando tutto il repertorio: tiro libero, di Nebbia Colomba, canestro da due, di Santoni, e tripla, di Pipolo. È l’inizio della rimonta, all’insegna dei tiri dalla lunga distanza. Non poteva essere quindi che una tripla a segnare il sorpasso bianconero: è il minuto numero 18 e la firma è quella di Samuele Santoni che insacca il canestro del 30-32. Spezzini avanti di due punti, ora ed anche alla pausa lunga. Al rientro sul parquet è botta e risposta tra Pipolo e Giusto, con i piemontesi che mantengono il contatto grazie ai tiri dalla lunetta. Ora si va avanti punto a punto: c’è equilibrio nel gioco e nel risultato. È parità al minuto 27, così come al minuto 29 ed anche al 30’, con Agazzani che a pochissimi secondi dalla fine della frazione regala ai suoi il 48-48.
Palla al centro, davvero, per il quarto conclusivo. Si decide tutto qui. Ultima palla contesa del match e Carchia gela la Tarros: tre triple in due minuti e per gli ospiti è -9. Due liberi messi a segno da Pipolo danno l’illusione che gli spezzini possano tentare la rimonta, ma subito dopo sale in cattedra Cagliera: altre due triple e la Tarros sprofonda a -13. Il match si chiude virtualmente qui. I cinque minuti finali non servono che a rendere ancora più pesante il passivo: alla sirena il risultato è di 74-58, di 16 punti il divario tra le due squadre.  
 
Dopo due trasferte consecutive, domenica la Tarros torna a giocare tra le mura amiche: al PalaSprint arriva la corazzata Domodossola.
 
ABET BASKET BRA – SPEZIA BASKET CLUB TARROS: 74-58 (21-11; 33-35; 48-48)

ABET BASKET BRA: Giusto 7, Rinaldi 3, Agazzani 9, Carchia 24, Maccagno 11, Gramaglia 0, Maffeo 5, Gatto 0, Cirla 3, Cagliero 12. Coach Andrea Lazzari
 
SPEZIA BASKET CLUB TARROS: Giachi 2, Mencarelli 0, Steffanini 6, Santoni 15, Fazio 4, Pipolo 26, Caluri 0, Colombo 0, Nebbia Colomba 5, Dal Padulo n.e. Coach Marco Mori
 

Più informazioni su