laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Recuperato il relitto dell’aereo Caccia della Regia Aeronautica “Reggiane Re 2000”

Più informazioni su

Grazie al mecenatismo della società Micoperi e al concorso di diverse Amministrazioni dello Stato, lo storico velivolo della seconda guerra mondiale potrà essere restaurato ed esposto nel Museo Storico dell’Aeronautica Militare

LA SPEZIA – Dopo appena tre giorni di attività operativa preparatoria, questo pomeriggio la Società Micoperi ha proceduto al recupero del relitto dell’aereo caccia della Regia Aeronautica “Reggiane RE 2000”, affondato al largo di Porto Venere (SP) durante la seconda guerra mondiale. Il velivolo, pilotato dall’allora ventisettenne spezzino Maresciallo Luigi Guerrieri, medaglia d’argento al valor militare, ammarò il 16 aprile del 1943 a causa di un’avaria al motore.

Il relitto era stato per la prima volta localizzato, nell’aprile dello scorso anno, dai palombari del Comando Forze di Contromisure Mine della Marina Militare della Spezia durante un’esercitazione. Il desiderio del Ministero della Difesa di recuperare il velivolo, per i successivi restauro e musealizzazione, era sino ad oggi rimasto frustrato per gli elevati costi dell’operazione. Recentemente, tuttavia, lo Stato Maggiore Aeronautica ha suscitato l’interesse alla vicenda del dott. Silvio Bartolotti, Amministratore Delegato della società Micoperi – leader mondiale nel settore, già impegnata nel recupero di nave Concordia – che si è offerto di provvedere al recupero a titolo gratuito.

Si sono quindi svolti presso la Capitaneria di Porto della Spezia incontri e riunioni di coordinamento con rappresenti della società Micoperi, dello Stato Maggiore Aeronautica e delle due Soprintendenze liguri coinvolte (Beni Storici e Beni Archeologici), per analizzare gli aspetti burocratici e tecnici dell’operazione. La fattiva collaborazione e l’unità d’intenti delle diverse Amministrazioni a vario titolo coinvolte hanno permesso, in tempi molto brevi, di pianificare l’attività di recupero e adottare i necessari provvedimenti autorizzativi e ordinatori da parte delle competenti Soprintendenze e della Capitaneria di Porto.    
 
Nei giorni scorsi, con numerose ispezioni subacquee compiute a ritmi intensivi con una speciale telecamera filoguidata (c.d. “ROV”) e dai sub della Micoperi, il relitto è stato accuratamente ispezionato, si è quindi proceduto alle operazioni di “sorbonatura” del fondale marino in prossimità della fusoliera ed al posizionamento del velivolo su una struttura piana, precedentemente realizzata dalla società Micoperi, che è stata poi sollevata dal fondale con una gru (evitando così di sottoporre a pericolose trazioni la fragile struttura del relitto) e posizionata a bordo del  pontone “Micoperi 30”.

Nonostante i settant’anni trascorsi sul fondo del mare, il velivolo si presenta complessivamente in discrete condizioni di conservazione, con danni più consistenti alla parte finale della coda e all’ala sinistra.
Le diverse fasi dell’attività di recupero del relitto, costantemente monitorate e coordinate dal Servizio Operativo della Capitaneria di Porto della Spezia, sono state seguite a bordo del pontone “Micoperi 30” da Ufficiali dell’Aeronautica Militare, nonché da personale tecnico e direttivo delle Soprintendenze per i beni culturali e per i beni storici della Liguria, cui compete l’alta sorveglianza sul restauro del velivolo per la successiva esposizione presso il Museo Storico dell’Aeronautica Militare.

Nel primo mattino di domani, il telaio su cui è posizionato il velivolo sarà trasbordato su una chiatta, messa a disposizione dalla Marina Militare, per il successivo trasferimento presso la base logistica dell’Aeronautica Militare di Cadimare, dove saranno compiuti i primi interventi di desalinizzazione del relitto.
Successivamente, alle ore 12.15, si terrà presso la Capitaneria di Porto della Spezia una conferenza stampa in cui saranno illustrate le varie fasi dell’operazione, i successivi interventi di restauro previsti, con la testimonianza di quanti hanno preso parte alle attività di recupero e dei parenti del Maresciallo Guerrieri, pilota del caccia. Saranno presenti, tra gli altri, il Prefetto della Spezia e il Comandante in Capo del Dipartimento militare marittimo dell’Alto Tirreno.

Più informazioni su