laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Guerri: “Via il degrado da Piazzale Ferro”

Più informazioni su

LA SPEZIA – Il consigliere comunale Giulio Guerri, portavoce della lista civica "Per la Nostra Città". ha presentato una nuova interrogazione per denunciare il profondo degrado in cui è da anni abbandonato il "Boschetto" di Piazzale Ferro. "Quest'area – sottolinea Guerri – è l'estrema propaggine del polmone verde della collina di Gaggiola, seppur separata dall'attuale tracciato di via Fiume, ed è un luogo attraversato dai percorsi pedonali fra i quartieri di Chiappa e Fossitermi nonché utilizzato come parcheggio dai residenti. Purtroppo il sito è abbandonato all'incuria, simboleggiata efficacemente dalla carcassa di un'auto incendiata e da molto tempo rimasta lì proprio in adiacenza al marciapiede, a testimoniare lo scarso rispetto per i cittadini da parte di chi dovrebbe garantire decoro e pulizia."

"Oltre a questo sconcertante dettaglio – continua Guerri – si segnala una scarsa illuminazione, la presenza di ulteriori veicoli abbandonati, un selciato non curato che diventa facilmente una distesa di fango e pozzanghere, lo stato di abbandono di alcune antiche panchine in ferro battuto, una situazione di persistente criticità sotto il profilo della sicurezza e dell'ordine pubblico. soprattutto in orario notturno, come dimostrato dal ripetersi, nel corso degli anni, di atti vandalici e furti a danno delle auto dei residenti".

"Mi rendo conto – conclude Guerri- che può essere pericoloso parlare di riqualificazione a una giunta comunale che ha manifestato la tendenza a usare questa parola come "anticamera linguistica" per interventi invasivi, brutti e inutilmente costosi e per eliminare in blocco la presenza di alberi. All'amministrazione comunale chiedo di voler prendere atto che è questo il degrado urbano da contrastare e sconfiggere. Guai se pensasse di doverlo fare andando a minacciare gli storici tigli che da sempre caratterizzano il luogo. Ciò che va fatto è chiaro e molto semplice: partendo, intanto, dalla rimozione dell'auto incendiata (che è un vero orrore) e di ogni altro ingombro improprio e quindi progettando, di concerto con la cittadinanza, gli interventi che occorrono per restituire dignità e decoro al luogo e per renderlo più gradevole, migliorarne la fruibilità e garantire la sicurezza".

Più informazioni su