laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione: strategie di prevenzione e contrasto

Più informazioni su

Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica

LA SPEZIA – Nei giorni scorsi si è svolta, presso questa Prefettura, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, al fine di definire congiuntamente mirate strategie di prevenzione e contrasto del fenomeno dello sfruttamento e del favoreggiamento della prostituzione, sulla base delle direttive impartite in proposito dal Ministero dell’Interno.

All’incontro, presieduto dal Prefetto, hanno partecipato il Questore, i Comandanti Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, il Rappresentante del Corpo Forestale dello Stato, il Vice Sindaco di Sarzana e i Comandanti delle Polizie Municipali della Spezia e Sarzana.
Alla riunione ha partecipato, altresì, su invito del Prefetto, il Procuratore della Repubblica.

Nel corso dell’incontro è stato preso atto che gli specifici servizi investigativi svolti dalla Forze di Polizia hanno evidenziato la presenza, in questa Provincia, di fenomeni di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, che viene esercitata sia in strada che in abitazione, prevalentemente da parte di straniere non residenti, provenienti dalle Provincie limitrofe.

In particolare, il Procuratore della Repubblica ha riferito che, nel corso del 2012 e 2013, sono state indagate per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione rispettivamente 43 e 22 persone.
Si è convenuto, pertanto,  di intensificare l’attività di controllo del territorio mediante lo svolgimento di specifici e contestuali servizi delle Forze di Polizia, con il concorso delle Polizie Municipali, nelle aree del territorio provinciale nelle quali si rileva maggiormente la presenza di persone che si prostituiscono, al fine di procedere allo loro identificazione e agli eventuali, conseguenti provvedimenti amministrativi.
A tale riguardo, è stata sottolineata l’efficacia dei provvedimenti emessi dai Comuni di Sarzana e Ameglia, che hanno consentito di sanzionare, con  l’irrogazione di pene pecuniarie, diversi clienti sorpresi dalle Forze di Polizia a contattare prestazioni sessuali a pagamento.

In relazione a tanto, è stato espresso parere favorevole alla proroga della specifica ordinanza adottata in proposito dal Comune di Sarzana, in attesa della modifica del regolamento di polizia urbana.
Per quanto riguarda, in particolare, il fenomeno del pendolarismo delle persone dedite alla prostituzione, è emersa la necessità di approfondimenti investigativi, volti a verificare se tale fenomeno non costituisca la manifestazione di più gravi reati, quali la tratta o la riduzione in schiavitù di esseri umani.
E’ stata, altresì, evidenziata l’importanza della collaborazione delle organizzazioni assistenziali, al fine di rendere più agevole l’emersione della prostituzione.
Si è stabilito, inoltre, di organizzare incontri con i rappresentanti delle associazioni, enti o altri organismi attivi nel campo del sostegno alle vittime e della loro integrazione sociale, con particolare riferimento ai minori e ai cittadini stranieri.
Nel corso della riunione è stata effettuata, altresì, una prima verifica degli specifici dispositivi, recentemente adottati in sede di C.P.O.S.P., al fine di potenziare ulteriormente l’attività di prevenzione e contrasto dei reati predatori e, in particolare, dei furti in abitazione.

In proposito, sono state espresse valutazioni ampiamente positive circa la validità delle misure adottate, che prevedono, fra l’altro, l’istituzione  di posti di blocco congiunti delle Forze di Polizia lungo le strade di accesso ai centri abitati e ai quartieri maggiormente interessati dal fenomeno, nonché l’implementazione dello scambio informativo tra le Forze di Polizia nell’immediatezza degli eventi delittuosi, al fine del costante aggiornamento della mappatura del fenomeno e di orientare i massicci servizi di prevenzione e contrasto svolti nei Comuni della Spezia e Sarzana dalle Forze di Polizia territoriali con il concorso dei Reparti di rinforzo della Polizia di Stato provenienti da Genova, nonché i frequenti servizi straordinari svolti dall’Arma dei Carabinieri su tutto il territorio provinciale.

Più informazioni su