laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Virtus Sconfitta dall’Umana Venezia

Più informazioni su

UMANA VENEZIA – VIRTUS CARISPEZIA TERMO 79-67
Parziali: 25-21, 38-34, 59-48

Umana Venezia: Melchiori 7, Carangelo 9, Marangoni ne, Peresson, Zara ne, Scaramuzza, Ruzickova 20, Mc Callum 22, Nicolodi 0, Mandache 17, Penna 4. Coach: Andrea Liberalotto.

Virtus Carispezia Termo: Filippi 5, Favento 7, Reke 4, Templari 10, Contestabile, Moore 25, Malone 7, Manzotti, Striulli 9, Mugliarisi. Coach: Loris Barbiero.

Nemmeno questa nona giornata di campionato ha permesso alla Virtus Carispezia Termo di cambiare rotta e di ritrovare quella positività con la quale aveva iniziato la stagione. Le spezzine devono infatti arrendersi anche davanti all’Umana Venezia, per 79 a 67, subendo così la quarta sconfitta consecutiva, nonché la quinta in campionato. 

“Purtroppo come andiamo sotto di qualche punto – commenta il Presidente Lorenzo Brunetto, analizzando la partita – facciamo fatica a recuperare. Durante la settimana lavoriamo tanto, eppure in attacco tentenniamo e la difesa non riesce a essere determinante. Penso che dovremmo cambiare qualcosa dal punto di vista tecnico, perché facciamo sempre gli stessi errori. Noi non dobbiamo dimostrare niente a nessuno – prosegue Brunetto – non dobbiamo strafare. Credo manchi ancora la consapevolezza di chi siamo: non siamo una squadra da play out, ma nemmeno una squadra che possa ambire a vincere il campionato; per questo motivo ritengo che la Virtus debba limitarsi a fare delle cose semplici, senza esagerare, pensando più alla società, che al proprio ego. Noi diamo piena fiducia allo staff tecnico – continua il presidente – ma in settimana daremo delle precise indicazioni, affinché si rimanga uniti e si ritrovi quella serenità necessaria per andare a Parma a prenderci i due punti. Non voglio che la Virtus affronti i propri impegni con l’ansia, ma la società sta facendo i miracoli e vorrei solo vedere un po’ più di attenzione. Ho fiducia in questa squadra  – conclude – e so che possiamo fare bene, ma dobbiamo impegnarci ed evitare di rifare sempre gli stessi errori.
Ma veniamo alla cronaca, ancora una volta le spezzine si trovano costrette sin da subito all’inseguimento. I primi punti portano infatti la firma di McCallum che trova spesso il canestro. I primi dieci minuti sono però tutto sommato abbastanza equilibrati e si gioca punto a punto. È pari sia al 5’ che al 7’, ma il quarto finisce 25 a 21 in favore delle padrone di casa.

Si torna sul parquet e il divario rimane pressoché lo stesso per buona parte di questo secondo quarto. Le oro granate tentano poi la fuga fino a portarsi sul +6. La Virtus si porta poi sul -3 quando Striulli indovina una tripla che riapre la partita. Quando mancano due minuti prima della pausa lunga, le spezzine sono sotto solamente di un punto, ma arrivano repentine le risposte dell’Umana Venezia dalla lunetta che si porta sul +4. La prima metà della partita si chiude per 38 a 34.

Si ritorna dagli spogliatoi e nonostante si inneschi un botta e risposta, è sempre la Virtus a dover rincorrere le venete, che piano piano cominciano ad allungare le distanze. A tenere a galla la squadra di coach Barbiero è l’americana Moore, che con le sue triple tiene la squadra in partita. La penultima fase di gioco si chiude per 59 a 48.
In apertura dell’ultimo tempino, Venezia realizza il +13, ma il divario tende a dilatarsi ancora, soprattutto grazie a una buona prova di McCallum, che porta la sua squadra sopra di 17 lunghezze. Le venete amministrano il vantaggio, portandosi anche sopra di 21 punti. L’unica che sembra non darsi per vinta è una ritrovata Lindsey Moore, che indovina canestri da 3 anche quando la sfida è virtualmente chiusa. Al suono della sirena finale il tabellone segna 79 a 67.

“Credo non ci sia una spiegazione di tipo tecnico davanti a questa sconfitta – commenta il coach Loris Barbiero – Abbiamo completamente sbagliato l’atteggiamento sul campo. Dobbiamo aver voglia di combattere, di giocare e di stare insieme e purtroppo oggi queste cose non le ho viste. Se non abbiamo questo, non andiamo da nessuna parte”, conclude.

Domenica impegno in esterna contro Lavezzini Parma, con la speranza che finalmente si possa invertire questa tendenza che si è innescata da quattro settimane. Serve una vittoria.

Più informazioni su