laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

11° Trofeo di Natale

Più informazioni su

22 dicembre 2013, specchio acqueo antistante Passeggiata Morin

LA SPEZIA – Undicesimo Trofeo di Natale: la tradizione natalizia per il popolo del Palio si rinnova e si rafforza. Le disfide in ‘acqua fredda’ richiamano al Molo Italia le Borgate e i loro equipaggi.

Programma
10,30 Gara categoria Femminile
11,15 Gara categoria Juniores
12,00  Gara categoria Seniores

Anche quest’anno le Borgate saranno presenti alla Morin con i loro armi: dodici imbarcazioni Senior (mancherà il solo equipaggio della Venere Azzurra per problemi alla barca), dodici Junior e otto equipaggi femminili.

Il Trofeo di Natale rappresenta il modo più sentito e partecipato per augurare Buone Feste alla città e al suo Golfo da parte delle Borgate e di tutti gli artefici del Palio che lavorano ogni giorno alla sua realizzazione.

«Il Trofeo di Natale, nato in modo un po’ goliardico si è di anno in anno consolidato – spiega Massimo Gianello, presidente del Comitato delle Borgate – per arrivare quest’anno all’undicesima edizione. Per il Comitato e le Borgate tutte  il Trofeo è l’occasione per augurare alla città e al Golfo un augurio di Buone Feste all’insegna delle migliori tradizioni».

«Il Trofeo di Natale – afferma il presidente di Lega Uisp Canottaggio, Maurizio Viaggi – ha certamente più un valore simbolico che agonistico, ma le Borgate chiamate alle sagole rispondono sempre con entusiasmo. Un sentimento che caratterizza tutto il movimento del Palio, compresi i giudici che con il loro prezioso lavoro volontario rendono possibile il regolare svolgimento di tutte le gare».

Appuntamento, quindi, domenica 22 dicembre per le gare e per un sincero scambio d’auguri.

In Occasione della presentazione dell’undicesimo Trofeo di Natale il Comitato delle Borgate intende rimarcare la seguente dichiarazione:

La Festa della Marineria: croce e delizia del nostro Palio
«Nonostante i tentativi di giungere ad una proficua collaborazione che portasse vantaggio a entrambe le manifestazioni che per la loro natura “marinara” dovrebbero facilmente condividere idee ed ideali, dobbiamo nuovamente, a malincuore, registrare una marcata e ingiusta preferenza delle Istituzioni nei confronti della Festa della Marineria».
Questa è la conclusione a cui giunge nuovamente il Comitato delle Borgate alla luce di tutti gli ultimi sviluppi nei rapporti tra Borgate da una parte e Associazione che gestisce Festa e teoricamente anche Palio e Autorità Portuale dall’altro.

«Anche quest’anno, per la terza edizione della Festa della Marineria, abbiamo dimostrato tutta la nostra buona volontà per partecipare attivamente alla manifestazione e, nonostante alcuni problemi di comunicazione – se così vogliamo chiamarli – abbiamo collaborato attivamente con l’organizzazione della Festa mettendo anche a disposizione la nostra esperienza e la nostra attività. Ma se speravamo di aver finalmente trovato un punto d’incontro con l’organizzazione della Festa della Marineria che ci riconoscesse il giusto posto all’interno di essa, purtroppo in questi giorni abbiamo dovuto fare i conti con un brusco risveglio. Da una parte registriamo un preoccupante ritardo dell’Autorità Portuale nel versare l’annuale contributo al Palio, ritardo ancor più grave perché giustificato proprio dai pesanti esborsi sostenuti per la Festa della Marineria e, soprattutto ritardo che almeno parzialmente minaccia di diventare mancato contributo. Parlando di cifre sulla base delle garanzie fornite dall'autorità, noi abbiamo messo a bilancio 50000 euro, ma a oggi non è entrato un euro e anzi il contributo rischia di essere dimezzato.
Dall’altra riscontriamo il completo disinteresse della associazione 'Il Golfo e la cultura del Mare' per il Palio e quindi l'impossibilità, per noi di continuare a farne parte insieme alla Festa della Marineria come suo oggetto sociale.
Da qui la nostra scelta di scrivere questa lettera aperta alle Autorità: noi sono ormai cento anni che abbiamo la nostra identità ben chiara e lavoriamo per la manifestazione della nostra città. Ora sta alle Autorità cittadine decidere come intendono trattarci, se con rispetto o con sufficienza. Siamo certi che il sindaco, il nostro garante, interverrà a nostra tutela e riusciremo a trovare una soluzione, sia nel nostro rapporto con la associazione che in quello con la Autorità Portuale. Noi siamo a disposizione come sempre».

Più informazioni su