laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Fondi all’imprenditoria giovanile, Pellerano: «L’emergenza giovani non aspetta»

Più informazioni su

«La Regione si è impegnata a intervenire». 

GENOVA – «L’ordine del giorno approvato questa mattina dal consiglio all’unanimità va nella direzione che ritengo prioritaria per fare fronte all’emergenza della disoccupazione giovanile, che ha raggiunto nella nostra regione la quota record del 41%, e all’indispensabile sostegno all’imprenditoria giovanile, calata bruscamente nell’ultimo anno». Così Lorenzo Pellerano, consigliere regionale della Lista Biasotti, è intervenuto questa mattina in consiglio durante la discussione di Bilancio della Regione.

«Appresa l’impossibilità di destinare un anticipo di 4 milioni di euro di fondi comunitari 2014-2020 per sostenere la creazione di imprese, come avevo prospettato nel mio emendamento alla Finanziaria presentato ieri – spiega Pellerano – a questo punto auspico che dal 1° di gennaio si inizi un lavoro condiviso da tutte le parti politiche per introdurre al più presto misure a sostegno dell’occupazione giovanile. Per quanto mi riguarda nei primi mesi del 2014 cercherò di tradurre in proposte di legge il confronto che ho avuto con diverse realtà attive nel Nord Italia a supporto della creazione di impresa; occorre “importare” in Liguria le migliori esperienze in materia. Parlare di imprenditoria, di start up, di incubatori d’impresa, di spin off universitari non significa fare demagogia, significa occuparsi del futuro della nostra Regione. I numeri della disoccupazione giovanile descrivono la difficoltà di una generazione che va incontro ad un futuro incerto: chi oggi fatica ad affacciarsi sul mondo del lavoro non sa se e come arriverà mai ad una pensione e porta sulle spalle il peso di un Paese che per decenni ha vissuto a debito delle generazioni future. Se la Regione non si occupa di questo a cosa serve? Di certo in questi anni abbiamo perso molto tempo, basti pensare alla pessima gestione del progetto Erzelli, ma dobbiamo guardare avanti e raddoppiare l’impegno su questo tema, dimostrando che questa emergenza sarà una priorità nell’azione del 2014 anche in termini di risorse di bilancio.  Puntavo più in alto, ma con quest’ordine del giorno facciamo un passo avanti: la giunta è impegnata ad utilizzare per questo fine una parte dei fondi comuni comunitari 2014 /2020».

Più informazioni su