laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Brindisi nella sala consiliare con gli sponsor che sostengono le manifestazioni della nostra città

Più informazioni su

Cavarra: il vostro sostegno è fondamentale per preservare il nostro senso di comunità

SARZANA – Un brindisi a Sarzana e agli sponsor che contribuiscono  a sostenere iniziative ed eventi per aiutare il turismo e lo sviluppo della città. Così, questa mattina, il sindaco di Sarzana Alessio Cavarra, affiancato dall’assessore Sara Accorsi,  ha riunito nella sala consiliare gli operatori economiche che nei primi sei mesi della sua amministrazione hanno fatto sentire il proprio impegno e vicinanza alla nostra città.

“Ho deciso di organizzare questo incontro informale – ha detto Cavarra- non soltanto per il tradizionale scambio di auguri natalizi ma per ringraziarvi sentitamente. In questi primi mesi di mandato ho potuto confrontarmi con molte difficoltà, non lo nego, ma anche con il grande contributo solidale che, tutti voi, avete prestato all’organizzazione delle tante manifestazioni di cui Sarzana è stata protagonista. Uno dei principali obiettivi che mi sono posto, già a partire dalla campagna elettorale, è stato quello di provare a tener vivo e a ricostruire quel tessuto sociale solidale che ha sempre caratterizzato la nostra città e che ha sempre visto protagonisti tutti gli attori economici e non che ne fanno parte. Non si tratta soltanto di ragioni meramente economiche. Certamente è per noi importantissimo poter contare sul vostro sostegno, senza il quale, non vi nascondo che non sarebbe proprio possibile realizzare gran parte delle cose che abbiamo fatto e che vorremo fare in futuro. Penso infatti che, in un momento così difficile e complicato per questo Paese, il rischio maggiore di fronte ad una crisi economica che continua a immobilizzare energie a questo paese, è proprio il pericolo di un ulteriore deterioramento dei rapporti sociali, di una pericoloso affermarsi di egoismi e solitudini, della perdita di quel senso di comunità che ha reso forte l’ossatura del nostro Paese. Noi ce la stiamo mettendo davvero tutta per cercare, non soltanto di affrontare le emergenze quotidiane, ma anche di programmare per il domani dei nostri figli un futuro migliore e desiderabile. Vi garantisco che lo sforzo è immenso ma credo che questa sia la ragione vera e profonda per la quale io e la squadra che lavora con me abbiamo deciso di metterci in gioco. L’alternativa è ripiegare su conservatorismi, sull’oggi, su una quotidianità che ci impedirebbe di pensare alle prossime generazioni prima che a noi stessi. Ecco allora che il patrimonio di iniziative, eventi culturali, manifestazioni che hanno fatto grande Sarzana non può essere disperso. Anzi, deve essere sostenuto, incoraggiato, valorizzato e, se possibile, incrementato. E le ragioni sono molteplici. C’è in gioco l’attrattività ricettiva di Sarzana, il lavoro di tante persone, la costruzione di una comunità che ritrova nella cultura le ragioni del suo stare insieme, nelle tradizioni gli anticorpi necessari ad affrontare momenti difficili, nel futuro speranza e la costruzione di una società migliore.Se la nostra città riuscirà a crescere sotto questi aspetti, cresceranno anche le condizioni di benessere dei suoi cittadini e il profitto degli operatori economici che in essa operano. Per queste ragioni, oltre al ringraziamento per quanto fatto finora, sono a richiedervi di continuare ad investire nei progetti che metteremo in cantiere per il futuro di Sarzana. So di chiedervi uno sforzo impegnativo perché i tempi non sono certo dei migliori ma so anche quanto avete a cuore questa città. Da parte nostra vi garantisco che troverete sempre nell’amministrazione disponibilità e interlocuzione e, soprattutto, l’impegno a lavorare assiduamente per accrescere l’attrattività e il benessere del nostro territorio. Se staremo tutti dalla stessa parte, se lavoreremo in sinergia, noi sapremo di poter contare sul vostro appoggio e voi di essere protagonisti di un rilancio economico, culturale e sociale di cui avvertiamo tutti l’impellente necessità”.

Più informazioni su