laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Serata di gala al Vecchio Mercato: arrivano i Campioni D’ Italia del Valdagno

Più informazioni su

SARZANA – “Aspettiamo il Valdagno per giocarci le nostre carte consapevoli di trovarci di fronte una delle formazioni più forti di questo campionato – dichiara il presidente Maurizio Corona – la nostra squadra è in grandissima salute,  ne sono la conferma i tre successi consecutivi con la ciliegina sulla torta dell’ultima vittoria casalinga contro il fortissimo Giovinazzo. Siamo il secondo attacco della serie A1 e abbiamo già conquistato l’accesso alla final-eight di Coppa Italia, posso dire che siamo un gruppo fantastico, ma siamo anche consapevoli che per portare via punti alla squadra di Franco Vanzo dovremmo tutti rasentare la perfezione e, anche se fosse, potrebbe non bastare, vista la forza dei nostri avversari. Una cosa è certa: noi tutti ci crediamo.  Il Valdagno in questa stagione ha sempre vinto in Europa – continua Corona – con un unico passo falso in campionato in casa contro i cugini del Breganze; ha una rosa che conta su  giocatori come il “fenomeno” Carlos Nicolia che probabilmente sarà ancora assente anche a Sarzana, Diego Nicoletti, Massimo Tataranni, Sergio Festa, Matias Platero, Mario Rodriguez e Riccardo Gnata che non hanno certo bisogno di presentazioni e l’obiettivo dichiarato dalla nuova società è quello di conquistare la finale scudetto, e la final-four di Eurolega.  Noi – conclude il presidente rossonero – affrontiamo i Campioni d’Italia a viso aperto senza riverenza e inchini come è stato in tutto il girone d’andata contro tutti gli avversari e comunque vada sarà un successo.”

I ragazzi del neo presidente Nino Cracco, presidente della rifondazione estiva societaria, sono reduci da quattro vittorie consecutive, la quadra di mister Vanzo senza il passo falso casalingo contro il Breganze guiderebbe la classifica; ancor più esaltante il cammino in Eurolega con tre vittorie su tre gare disputate in cui spicca la vittoria riportata in Spagna a Reus, nonostante l’assenza di Carlos Nicolia. La squadra, a detta del presidente vicentino, è stata costruita per restare ai vertici sia in Italia sia in Europa, e  nella conferenza stampa d’inizio stagione ha dichiarato  di aver costruito una formazione competitiva che darà importanti soddisfazioni. La formazione di mister Franco Vanzo, dopo la passata stagione che, forte del “dream-team” costruito, l’ha vista trionfare in campionato, portando nella valle dell’ Agno il terzo scudetto della storia, conquistare Coppa Italia e Super Coppa di Lega e uscire in semifinale di Champion Leaugue ad Oporto in Portogallo ad opera dei padroni casa. Quest’anno, nonostante il ridimensionamento,  ha costruito sulla carta un’ottima squadra, sono stati ceduti Pedro Gil a Forte dei Marmi,  Sergio Silva e Mattia Cocco a Breganze, Dario Rigo e Eddy Randon a Trissino e Davide Piroli a Thiene oltre a Marco Vallortigara che ha deciso di abbandonare l’attività. La società ha ricostruito partendo  da tre pedine fondamentali dei successi della scorsa stagione in primis  Carlos Nicolia (probabilmente ancora assente nella partita di sabato), ventisettenne giocatore argentino, vicecampione del mondo con la nazionale biancoceleste all’ultimo mondiale, idolo incontrastato della tifoseria valdagnese, che quando il tecnico Marozin tre estati orsono decise di metterlo alla porta insorse con manifestazioni pubbliche come mai avvenuto prima nel mondo dell’hockey. Per lui ottava stagione in maglia biancazzurra, con la quale “il fenomeno”, così soprannominato dalla tifoseria valdagnese, ha conquistato da protagonista i tre scudetti della storia della società. Ma oltre al “fenomeno” mister Vanzo ha tra le mani autentici campioni che fanno del Valdagno la principale antagonista del Forte dei Marmi: in difesa c’è Diego Nicoletti 31 anni, trissinese ma ormai valdagnese di adozione, arrivato tre anni orsono e accolto con molto scetticismo dagli ultras biancazzurri,   il pelato difensore è diventato un beniamino tra i supporter biancazzurri,  giocatore di notevole esperienza vanta un eccellente curriculum, tra cui due mondiale senior disputati, al mondiale angolano di settembre, a detta di molti, è stato il miglior giocatore azzurro. Poi Riccardo Gnata, il giovane portiere breganzese, classe 92; dopo due anni strepitosi a Breganze due stagioni orsono e si è messo in gioco in una grande squadra come il Valdagno, pur sapendo di dover far quasi certamente un anno di anticamera  alle spalle di un mostro sacro come Juan Oviedo. Il giovane portiere si è ritagliato comunque il giusto spazio, nella conquista del secondo scudetto biancoceleste, per poi diventare l’assoluto protagonista del terzo e di tutti i successi della scorsa stagione, una stagione fantastica la sua coronata dalla  conquista della maglia azzurra al Mondiale Senior Angolano dove si è ritagliato spazi importanti. Poi i nuovi arrivi partendo da un cavallo di ritorno protagonista della conquista dei primi due scudetti biancocelesti Massimo Tataranni, 34 anni, bomber per eccellenza  la scorsa stagione a Lodi nel penultimo scudetto biancoceleste nel 2012 andò a segno per ben 33 volte, e fu capocannoniere dell’Eurolega, la scorsa stagione in riva all’Adda 50 gol segnati e secondo nella classifica marcatori alla spalle di Pedro Gil, il “bomber” materano si sta ripetendo anche in questo anno per lui sono già 27 le reti segnate ed è al comando della classifica marcatori di questa stagione, è la carta vincente che il Valdagno si gioca sottoporta, quasi infallibile nei tiri diretti. A seguire gli altri due ex lodigiani: l’argentino Matias Platero, universale  che può ricoprire tutti i ruoli dello scacchiere biancoceleste, protagonista con la nazionale argentina dell’ultimo mondiale angolano dove si è laureato Vice Campione del Mondo; difensore eclettico con il vizio del gol 14 nella scorsa stagione a Lodi, solamente 5  le reti segnate in questo inizio campionato. A seguire il materano, anch’egli ex lodigiano, Sergio Festa, due stagioni orsono capocannoniere della squadra lombarda con 32 reti, lo scorso anno 21 in questa a segno solamente in 4 occasioni, Infine l’altro argentino vice campione del mondo proveniente dalle ceneri del Novara:  il difensore Mario Rodriguez,  ottimo campionato per lui in Piemonte la scorsa stagione, giocatore concreto in possesso di un grande tiro. Chiudono la rosa tre giovani molto interessanti a partire Giulio Cocco, talento puro di scuola valdagnese classe 96, assieme al fortemarmino Alessandro Verona è certamente il futuro di questo sport nel panorama hockeistico nazionale, con l’assenza di Nicolia è passato da comprimario a protagonista giocando con il piglio di un veterano, da incorniciare la sua prestazione nella trasferta di Eurolega a Reus. Altro giovane interessante è Andrea Bicego, classe 94, talentuoso attaccante e, persistendo la mancanza di Nicolia, dovrebbe essere nel roster anche  l’azzurrino Davide Spagnolo, classe 97, che ha disputato gli ultimi europei  under 17 ad Alcobendas con il nostro Andrea Perroni.  Anche il Vice Gnata è un ragazzo molto interessante Davide Pertegato, classe 1996, scuola valdagnese, portiere di ottime doti per lui moltissime presenze nelle nazionali giovanili.  I precedenti tra Carispezia Hockey Sarzana e Hockey Valdagno sono dieci e riguardano solamente le quattro stagioni in serie A1 conotto gare nelle regular seasons e due nei play.off: con nove vittorie del veneti ed una della formazione Sarzanese. Lo scorso anno la squadra di Alessandro Cupisti mise alle corde il dream-team del Valdagno : nella sfida di Sarzana la squadra di Vanzo ribaltò il risultato all’ultimo minuto dopo essere essere stato sotto per gran parte della partita. Nel ritorno i valdagnesi vinsero di misura la sfida in Veneto. Nella gara contro il Valdagno i rossoneri cercheranno di sfruttare la pista del Centro Polivalente, da sempre sofferta dai campioni veneti. C'è molta attesa per questa partita dopo la vittoria all’ultimo minuto contro il Giovinazzo che ha esaltato tutti gli sportivi Sarzanesi: gli ultras della “Curva Gabriele Milani” stanno preparando un appello a tutti i ragazzi della città per coinvolgerli nel sostegno ai colori rossoneri. La squadra si presenta alla sfida con il roster al completo: infatti le condizioni di Alessandro Rossi, fermo da tre gare per infortunio, sono in netta ripresa, ma solamente all’ultimo mister Cupisti deciderà se convocarlo per la partita. La squadra, archiviata la gioia della conquista della final-eight di Coppa Italia,  vuole sfruttare questo momento di grazia e cerca punti che gli permetterebbero una griglia migliore nella final-eight di Coppa e punti importanti in cascina in chiave play-off scudetto perciò, seppur conscia della forza dell’avversario, è decisa a vendere cara la pelle.

Il match si giocherà sabato alle 20.45 presso la pista “Centro Polivalente” di Sarzana. Arbitri il Da Prato (LU) il Sig. Galoppi (GR) ausiliario Sig. Righetti (SP).
 
Sulle altre piste: Pattinomania Matera – Amatori Sporting Lodi; Banca Cras Follonica – CGC Viareggio; Sind Bassano'54 – Faizanè Lanaro Breganze; G.S. Trissino- Correggio Hockey; AFP Giovinazzo – Ecoambiente Estra Prato; Alimac Forte dei Marmi – AS Viareggio.

Più informazioni su