laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Cerreto Capodanno da città

Più informazioni su

CERRETO LAGHI – Neve abbondante o neve scarsa? A Cerreto Laghi, per capodanno c’è tutto esaurito comunque.
Gli ospiti non sono in maggioranza appassionati sciatori ma giovani e giovanissimi che vogliono soprattutto stare in compagnia, liberi dai controlli di famiglie, in un luogo di vacanza, per questo, si accalcano negli alberghi e nei 2000 posti letto disponibili negli appartamenti privati dei condomini intorno al lago.

Perché lì? Perché lì e non in tutto l’Appennino che è pure pieno zeppo di case, stanze e appartamenti vuoti nell’inverno? Perché Cerreto Laghi ormai non è solo seggiovie. E’ bar, pizzerie, ristoranti e alberghi, servizi e spazi all’aperto e al coperto dove spendere il tempo libero, sulla neve, sul ghiaccio o semplicemente per una passeggiata. Negli storici vecchi borghi dell’Appennino, questi servizi non ci sono. Cerreto Laghi invece è ormai molto di più che il punto di partenza degli impianti. E’ una piccola città di montagna, con un patrimonio ambientale e una collocazione geografica e ambientale che ha sviluppato attività e servizi che la rendono appetibile ai giovani.
In questo capodanno 2014 c’è un condensato dei problemi, delle contraddizioni ma anche delle prospettive. La stazione sciistica sta diventando stazione turistica.

L’eccesso di edilizia è evidente ma piuttosto che demolito o semplicemente criticato può essere riqualificato nella forma e trasformato nelle funzioni. La “stazione turistica” è anche una comunità di operatori che ha sviluppato ricchezza e qualità di servizi e può offrire un buon vivere per quattro stagioni. In questo Cerreto laghi è “più avanti” delle celebrate stazioni (e molto indebitate) stazioni dell’Abetone, del Cimone e di Corno alle Scale.  Il debito che si accumula sempre sotto la gestione degli impianti è minore. Minore purtroppo è anche il sostegno della Regione, che, finanziando il Parco regionale si accolla gi impianti del Corno alle Scale e altrettanto non fa col Parco Nazionale e con Cerreto Laghi.
Il Parco Nazionale tenta comunque di far crescere Cerreto Laghi come la città dei servizi del crinale, della natura e dell’ambiente nell’Appennino tosco emiliano.

Dal 3 al 6 Gennaio, con la manifestazione Appennino d’Inverno nel Parco, tra mercatini, presepi ed eventi culturali, cerchiamo di incoraggiare questo tentativo di realizzare l’idea di “città dell’Appennino”. Con il progetto europeo eco-cluster ne abbiamo identificato le linee guida per il futuro. Con la programmazione dei fondi europei 2014 – 2020 cercheremo di passare dalle idee ai progetti: strutture e funzioni, efficienza energetica e attività di green e soft economy, piazza e qualità urbana al centro di un ambiente e di un paesaggio che è da conservare e anche in gran parte da scoprire e mettere in valore.

Più informazioni su