laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Tempi duri per i fotografi professionisti

Più informazioni su

Con la crisi e l’avvento del digitale imperversa il fai da te

LA SPEZIA – In questi anni sono spariti decine di punti vendita e negozi di fotografia che un po’ ovunque incontravamo nelle vie delle nostre città. Vetrine colorate di immagini quotidiane, la vendita dei i rotolini, le pellicole dal bianco e nero al colore, lo sviluppo delle fotografie, gli album, le macchine fotografiche, dall’usa e getta alle polaroid, fino all’evento della cinepresa e dei filmati. Una evoluzione tecnologica che ha forgiato grandi professionisti della fotografia e dello sviluppo, dando l’opportunità alle famiglie di memorizzare, in una fotografia, le immagini e i ricordi  più belli. La rapida evoluzione della tecnologia digitale, l’evento degli smartphone, mette a rischio questa professione e fa svanire il valore dei ricordi.

“La chiusura di Foto Biso a Sarzana, storica attività associata a Cna, contribuisce a impoverire ulteriormente il settore e conferma la tendenza negativa – dichiara Maurizio Viaggi responsabile di Cna Comunicazione della Spezia – al fenomeno dell’abusivismo, favorito da carenze legislative, si cumula  all’aumento dei costi per chi fa impresa e con il dilagare del digitale, non ultimo degli smartphone, si  mette a rischio la stessa sopravvivenza  dell’attività del fotografo” – ribadisce Viaggi

In questi ultimi anni si è registrato un drastico  calo sia nello sviluppo delle foto ordinarie, sia nella richiesta di album fotografici, per esempio per i matrimoni,  il dilagare della grande distribuzione o delle vendite su internet di cui  l’intera categoria ne ha risentito negativamente.

A parte il problema “anagrafico” del calo di celebrazioni in chiesa, le coppie preferiscono spesso affidarsi a fotografi amatoriali , magari amici, anziché ricorrere al servizio di un professionista.
Esistono programmi di elaborazione immagini molto intuitivi, forniti direttamente con la fotocamera digitale o con il telefonino, fino ai più complessi e professionali, comunque esplorabili anche dai non professionisti.
Anche per la stampa si trovano soluzioni alternative, dalla cornice elettronica con foto registrate dal computer, al foto album ordinato via internet, alla stampa presso copisterie o negozi di grafica digitale.
“Nessuno vuole  battaglie corporative, ma chi decide di misurarsi sul campo dovrebbe almeno prendere una partita IVA ed affrontare gli stessi costi di un fotografo professionista iscritto alla camera di commercio” – ribadisce Viaggi Maurizio.

Le imprese hanno avuto disponibilità di adeguarsi  al mercato, mantenendo sempre alta la qualità e professionalità, hanno acquisito competenze nelle nuove tecnologie, Cna ritiene  che  per salvaguardare il valore di una fotografia occorre normare il settore e nel contempo  educare l’utilizzatore in quanto  la vera novità del digitale e’ avere tante possibilità di scelta, ma comunque resta importante affidarsi ad un professionista e stampare la fotografia, per avere un ricordo dei momenti più significativi della vita. La fotografia è un arte e una professione altamente qualificata, va difesa e tutelata, imprese come quella di Enzo Biso sono un patrimonio per la nostra comunità, con la sua chiusura svanisce qualcosa di tutti noi, che non potrà essere sostituita da un telefonino  o da una immagine digitale.

Più informazioni su