laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

«Abbiamo vinto contro l’alluvione. Non ci fermeranno i tagli alla Marina Militare»

Più informazioni su

Le Segreterie Territoriali FILCTEM CGIL – FEMCA CISL – UILTEC UIL, RSU Aziendali

BRUGNATO – La  tragica  alluvione  del  25  ottobre  del  2011  che  ha  colpito  il  nostro territorio travolse la UNIFORM di Brugnato, un’azienda di 40 donne che lavorano principalmente per la Marina Militare confezionando le loro divise.

Non ci siamo arrese e siamo state in grado di rifarla partire nonostante l’ingente mole di danni subiti.

Nel 2013 l’azienda si è aggiudicata, per un valore complessivo di 18 milioni di Euro attraverso uno sconto del 25% sulla base d’asta, la gara che la Marina Militare ha predisposto per la fornitura di indumenti militari per i successivi 4 anni necessari per coprire i loro fabbisogni di vestizione.

Tale situazione ci ha costretto alla cassa integrazione a zero ore, poiché la mancata  assegnazione delle  lavorazioni e  l’assenza  della  pianificazione delle stesse non permettono la conseguente organizzazione del lavoro.

Tutto sta avvenendo in un clima di incertezza, di assenza di comunicazioni; in poche parole nessuno ha il coraggio di dirci cosa ci sta aspettando.

Abbiamo bisogno di un confronto serio con la Marina Militare ed il Ministero della Difesa per conoscere ed identificare la profondità della problematica, per adottare gli strumenti migliori per difendere il nostro posto di lavoro e per gestire le ricadute occupazionali.

Il taglio di risorse subito dalla Marina Militare non può ricadere totalmente sulle nostre attività, non può mettere in discussione la nostra esistenza.

Non accettiamo il paradosso che ci ha visto vincere contro una catastrofe naturale che ci è letteralmente entrata nell’azienda travolgendo tutto e soccombere per la mancata assegnazione di lavori derivanti da una gara vinta! Questo è ciò sta succedendo oggi ed i responsabili non si sono ancora resi disponibili per il fondamentale confronto da cui dipende il nostro futuro!!!

Più informazioni su