laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Red Canzian a Porto Venere l’8 agosto: ecco come acquistare i biglietti

Più informazioni su

PORTO VENERE – Dopo l’appuntamento con la star internazionale Goran Bregovic, Porto Venere si prepara ad ospitare un’icona della musica italiana: venerdì 8 agosto si esibirà sul palco di Piazza San Pietro a partire dalle ore 21.30 Red Canzian, storico membro di una delle band italiane più importanti e longeve, i Pooh. 
 
Red porterà in scena il concerto-racconto Ho visto sessanta volte fiorire il calicanto affiancato da importanti musicisti come il quartetto d’archi Archimia, i chitarristi, Rudy Michelutti e Ivan Geronazzo e, infine, Phil Mer al pianoforte e alle percussioni. Ospite di grande classe, Chiara Canzian, figlia di Red, che canta due brani: “You’ve got a friend“ di James Taylor e “The way we were“ di Barbra Streisand.
 
I biglietti (20 euro + diritti di prevendita) sono acquistabili presso la Pro Loco di Porto Venere (0187-790691; info@prolocoportovenere.it), on line e presso tutti i punti vendita BookingShow (http://www.bookingshow.it).

Questi i punti vendita Booking Show in provincia:
Infotech Sas, Via Nino Bixio 24/26 – La Spezia;
Overland 3 di Silvia Viaggi, Via Sarzana 18 – La Spezia;
Nuovo Caffè dei Mitili, Viale San Bartolomeo 377 – La Spezia;
Edicolandia, Piazza Matteotti 7 – Follo;
L'Edicola di Dodero Raimondo, Via Sarzana 576 – La Spezia;
I Viaggi Dei Portici, Via Vittorio Veneto 48 – La Spezia;
Bar Corsi, Piazza Serravalle 13 – Ortonovo;
Fratelli Venti, Via San Cipriano ang. Via Veneto – La Spezia;
Foto Ottica Meriggioli, Corso Cavour, 35 – La Spezia;
Edicola Limone, Via Sarzana 576 – La Spezia.

Per informazioni: www.eventiportovenere.it; info@eventiportovenere.it;

Facebook: Eventi Porto Venere

Una storia lunga una vita raccontata tra sogni, musica e parole

Red Canzian
in
Ho visto sessanta volte fiorire il calicanto

Accompagnato dal Quartetto Archimia
Serafino Tedesi Primo Violino
Paolo Costanzo Secondo Violino
Matteo Del Solda' Viola
Andrea Anzalone Violoncello

Con
Phil Mer Pianoforte E Percussioni
Rudy  Michelutti Chitarra E Cori
Ivan Geronazzo Chitarra

E con la partecipazione di Chiara Canzian

Questo concerto-racconto di Red Canzian è un lungo viaggio attraverso la musica, le mode  e i modi di vivere degli italiani dal dopoguerra ai giorni nostri. È la storia di un “ragazzo“ che ce l’ha fatta perché ha sempre sentito il dovere di sognare, di battersi per difendere i suoi sogni… non smettendo mai di credere e di lavorare ai suoi progetti.

Attraverso storie molto divertenti ed altre assolutamente commoventi, supportate da oltre 70 fotografie “storiche“ che vengono proiettate su di un grande schermo, Red Canzian canta le canzoni che in qualche modo hanno segnato la sua vita, a partire da “Grazie dei fior“ che vinse Sanremo nel 1951, quando lui nacque, per passare poi a “Tutti frutti“ di Little Richard, “Love me tender“ di Elvis Presley, “Yesterday“ dei Beatles, ma anche “Il cielo in una stanza“ di Gino Paoli e ovviamente ai brani incisi con i Pooh.

Tutto il concerto è rigorosamente in acustico e sul palco, oltre a Red, suonano gli “Archimia“, uno straordinario quartetto d’archi, due bravissimi chitarristi, Rudy Michelutti e Ivan Geronazzo e infine, sia al pianoforte che alle percussioni ci sarà il poliedrico e bravissimo Phil Mer.

Ospite di grande classe, Chiara Canzian, figlia di Red, che canta due brani: “You’ve got a friend“ di James Taylor e “The way we were“ di Barbra Straysand, creando momenti di assoluta e intensa emozione.

Due ore e mezza di grande musica suonata da altrettanto grandi musicisti, in un racconto che ci riporta a quando si rideva con poco e tutti noi  guardavamo al futuro con speranza.

Red Canzian, si alterna tra il ruolo per il quale tutti lo conosciamo, quello di cantante e musicista, a quello meno noto di bravo narratore, attore e divertente imitatore (Domenico Modugno, Tony Dallara, Patty Pravo).

Questo vuole anche essere un concerto per le famiglie, dove i genitori avranno la possibilità di rivivere momenti della loro infanzia e soprattutto di condividerli con i loro figli, che non hanno vissuto il dopoguerra, la prima radio e la prima televisione in bianco e nero, la lambretta, la cucina economica, il primo juke box e così via…il tutto accompagnato da quelle grandi canzoni che hanno in qualche modo attraversato la nostra vita e ne faranno sempre parte.

Più informazioni su