laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Commercio abusivo, Rixi: “Una piovra che allunga i tentacoli nel centro storico di Genova”

Più informazioni su

Allargamento progressivo del mercatino abusivo di via Turati

GENOVA – «È intollerabile che tante famiglie oneste e commercianti che pagano le tasse, salatissime, imposte anche dal Comune di Genova siano costretti a convivere con la presenza, ogni giorno più ingombrante, dei venditori di merce rubata che da anni organizzano un suq a cielo aperto a due passi dal Porto Antico e dall’Acquario, una zona che dovrebbe essere la vetrina di Genova per i turisti che arrivano a centinaia ogni giorno e che invece è da anni ridotta a una casbah gestita da soggetti malavitosi in prevalenza nordafricani». Così Edoardo Rixi, consigliere comunale e regionale della Lega Nord, denuncia, ancora una volta, la presenza del mercatino abusivo di via Turati nel centro storico genovese che secondo le segnalazioni di alcuni residenti si starebbe allargando a macchia d’olio nei vicoli limitrofi. «Alcuni abitanti mi hanno consegnato una preoccupante documentazione fotografica che testimonia come il mercato si sia ormai allargato tra piazza De Mrini, vico Gibello e piazza Raibetta – spiega Rixi – ogni giorno sono decine i venditori che “apparecchiano” la propria merce, spesso frutto di furti o di raccolta direttamente dai cassonetti della spazzatura. Uno spettacolo indecente che rende la vita impossibile agli abitanti di questa porzione di centro storico e sta penalizzando fortemente le attività commerciali: addirittura un bar sarà costretto a chiudere perché ha perso i clienti, stufi di fare la gimcana tra le merci “esposte” sulla strada e tra i venditori abusivi. Visto che il Comune è latitante e l’assessore Fiorini si limita a parlare di future riunioni tecniche per affrontare un problema che omai ha assunto le dimensioni di una vera e propria emergenza sociale nel quartiere, chiederò di poter incontrare personalmente il questore per conoscere le reali dimensioni del fenomeno. So che le forze dell’ordine, nonostante debbano fare i conti con le carenze d’organico dovute ai tagli apportati dal governo, sono costantemente impegnate nella zona. Penso che un maggiore impiego di vigili urbani e un migliore coordinamento anche con gli addetti dell’Amiu preposti alla presa in consegna della merce sequestrata potrebbero disincentivare questo vergognoso fenomeno fino a estirparlo. Purtroppo è evidente che anni di lassismo da parte di Palazzo Tursi abbiano prodotto il proliferare dell’abusivismo nel cuore del nostro centro storico e un evidente deterioramento sia della qualità della vita dei residenti sia dell’immagine di Genova verso i visitatori».

Più informazioni su