laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Regione Liguria. Burlando: Giro d’Italia 2015 In Liguria

Più informazioni su

9-10-11 Maggio 2015

GENOVA – “Partenza e altre due tappe, dopo la crono a squadre sulla pista ciclabile. Per noi è un evento sportivo e turistico di grande importanza, nel mese di avvio dell’Expo di Milano. L’8 maggio 2015 ci sarà la presentazione genovese, il giorno successivo ci sarà la crono a squadre sulla pista del ponente, la prima volta assoluta che una pista ciclabile ospita un’intera tappa del Giro d’Italia. La seconda tappa sarà da Albenga a Genova, la terza, tecnicamente molto importante, partirà da Chiavari passando per l’entroterra, per il passo del Bracco e per le 5 Terre, fino alla Spezia.” Lo ha detto oggi il presidente della Regione Liguria Claudio Burlando presentando a Genova in conferenza stampa il Giro d’Italia 2015 che partirà dalla Liguria con le prime tre tappe tra il 9 e l’11 maggio. “L’impegno è rilevante, ma credo che il ritorno economico, e turistico, lo sarà altrettanto” ha continuato Burlando.

“Abbiamo lavorato a lungo per raggiungere l’obiettivo. Ne abbiamo parlato per la prima volta nel marzo scorso in occasione dell’inaugurazione della pista ciclabile, anche con Eddie Merckx che è stato molto collaborativo, poi ci siamo rivisti in occasione della tappa del Giro d’Italia a Savona. E’ stato messo a punto un tracciato che sarà reso noto nei dettagli il prossimo 6 ottobre, quando si presenterà l’intero Giro, ma si è accettato di presentare le tre tappe oggi perché non era mai successo che una regione italiana ospitasse non solo la partenza ma anche la seconda e la terza tappa.” Il presidente ha sottolineato che: ”Il Giro è visto da 180 paesi, collegati attraverso le televisioni, e ha mediamente 400 milioni di spettatori per ogni tappa. Inoltre, il fatto che sia programmato all’inizio dell’Expo, che dura 6 mesi, potrebbe costituire un lancio molto importante per la nostra regione, con una ricaduta positiva sull’arco ligure di turisti provenienti da Milano. Insieme con i comuni investiremo molte risorse nel Giro d’Italia e penso che quelli che parteciperanno con noi a questo sforzo vorranno usare quest’occasione unica anche per promuovere le loro città con vari eventi.”

Più informazioni su