laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Fregosi (CPS Follo): “Su piazza Garibaldi convocherò immediatamente la commissione consiliare preposta”

Più informazioni su

FOLLO – "Prendo atto di come un progetto di stravolgimento di un luogo importante come Piazza Garibaldi a Follo sia calato dall'alto, prendo atto che i cittadini si stiano organizzando in relazione alla totale assenza di informazione su ciò che sta avvenendo nel loro quartiere, ritengo che questo sia il sintomo di un malessere che va accolto e che dimostra come oggi l'amministrazione compia scelte non partecipate". Così il primo commento di Valeria Fregosi, capogruppo dei Cittadini Partecipi e Solidali in consiglio comunale a Follo, sulla lettera aperta che il comitato di cittadini ha scritto per denunciare il progetto di Piazza Garibaldi.

"E' stata inviata al sindaco Cozzani una lettera aperta da parte del comitato di cittadini di Piazza Garibaldi, recapitata per conoscenza a tutti i capigruppo consiliari. Credo e ritengo doveroso che questi cittadini abbiano diritto ad essere ascoltati dalle istituzioni che fino ad ora li ha ignorati, e per questo, nel mio ruolo di presidente della commissione Lavori Pubblici, Terriotorio e Ambiente – prosegue Fregosi – convocherò immediatamente tale commissione per audire i cittadini rappresentanti del comitato, l'assessore competente e il responsabile dell'ufficio tecnico, perché è evidente, in relazione alle istanze esplicitate dal comitato Piazza Garibaldi, che il progetto ha delle criticità che vanno approfondite. Per questo, nel mio ruolo, intendo fare chiarezza su quanto accade e riservarmi di interpellare il sindaco stesso in consiglio comunale".

"Resta il fatto – conclude Valeria Fregosi – che un progetto che stravolgerà la piazza, non ha visto il coinvolgimento dei cittadini, come la lettera aperta e resa pubblica dimostra ampliamente. Il comitato fa un riferimento alla Costituzione che voglio cogliere totalmente. Spero che la mia iniziativa come consigliera comunale riporti la sovranità al popolo follese".

Più informazioni su