laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La città e gli avamposti montani

Più informazioni su

Mangia Trekking richiama l’attenzione sulle persone della montagna. 

LA SPEZIA – Non è certo il caso di generalizzare, ma sovente accade che nelle città, le persone che abitano nello stesso condominio non si conoscano o si conoscano poco. Addirittura qualche volta sono l’indifferenza, l’insofferenza o il disagio i sentimenti predominanti nei confronti del prossimo. Certe volte avviene che si consideri anche una fatica uscire di casa e fare qualche chilometro in auto per incontrare un amico o un parente. Così l’associazione Mangia Trekking, attraverso l’attività di alcuni suoi membri, desidera raccontare come l’alpinismo lento in montagna, incontri un contesto molto diverso. Dove la necessità di “aiuto reciproco”, ed i momenti di difficoltà vengono vissuti con uno spirito “sensibile”. Infatti sembrerebbe che il vivere la montagna, o camminare sui sentieri praticando l’alpinismo lento, ingentilisca, renda più riflessivi ed attenti alle cose che ci circondano, con un effetto terapeutico anche sui sentimenti, sullo stato emotivo e fisico della persona. Una bella conferma a quanto sostenuto, la si riscontra anche nel particolare rapporto di amicizia nato nel tempo tra alcuni membri dell’associazione Mangia Trekking ed Adriano, gestore di un Rifugio situato a quota mt.1581 s.l.m. sul monte Acuto, raggiungibile con circa due ore di cammino dal parcheggio auto più vicino.


Infatti alcuni membri dell’associazione talvolta organizzano escursioni in quell’area proprio per andare a trovare l’amico Adriano, per condividere una piacevole sosta pranzo, per conversare, per conoscere e se possibile alleviare le sue difficoltà nel lavoro di ogni giorno per far sopravvivere al meglio, “quel servizio sociale” situato lassù, tra i faggi, sulle sponde del lago Acuto. E consapevole di tali fatiche, infatti l’associazione Mangia Trekking si attiva con tante iniziative per promuovere azioni a favore delle comunità della montagna, sottoposte al continuo spopolamento del territorio, ed in particolare per portare all’attenzione persone come Adriano, affinché vengano sostenute, perchè rappresentano un avamposto sicuro, nei luoghi difficili, ove le genti sono ancora straordinariamente caratterizzate da una effettiva genuinità.

Più informazioni su