laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Un derby in bianco(e)nero

Più informazioni su

La Tarros batte il Follo e resta in vetta alla classifica del girone. PalaSprint stracolmo per un match che ha regalato tante emozioni, dalla palla a due alla sirena. Presidente Caluri: “Ottimi i due punti, ma dobbiamo crescere ancora”

LA SPEZIA – “Complimenti al Follo” – sono per gli avversari appena battuti le prime parole del Presidente dello Spezia Basket Club Tarros Danilo Caluri che prosegue – “Ottimo per noi il risultato, ma dobbiamo ancora crescere sul fronte del gioco e dell'atteggiamento”. Poi parla di un'altra vittoria, alla quale tiene particolarmente: ”Quella di stasera è stata una vera e propria festa dello sport. Speravamo in un PalaSprint pieno, lo abbiamo avuto davvero stracolmo, nonostante ci fosse, in contemporanea, anche la partita della Virtus Carispezia Termo al PalaMariotti. La risposta di entrambe le tifoserie è stata ottima e bellissimo è stato vedere di fronte alle panchine un muro di persone che ha incitato chi l'una chi l'altra squadra, sino alla sirena. Voglio anche ringraziare il Sindaco della Spezia Massimo Federici e l'Assessore allo Sport Patrizia Saccone che non sono voluti mancare a questo evento sportivo e ci hanno onorato della loro presenza sugli spalti. Sono molto felice che il PalaSprint abbia offerto un grande spettacolo ed abbia dimostrato tutto il calore che c'è dietro a questo sport. C'erano, come è giusto che sia, tensione agonistica e rivalità, ma la partita è stata molto corretta, sia sul parquet che tra le tifoserie. Su questo fronte abbiamo vinto tutti, ha vinto lo sport”.
Sul parquet, invece, ad affermarsi è stata la Tarros, al termine di un match combattuto e sempre in bilico sino alla fine. Sicuramente il pubblico, che così numeroso ha affollato il PalaSprint, è stato ripagato con una partita intensa che ha regalato emozioni a non finire, con continui ribaltamenti di fronte, agganci e sorpassi.

Pronti via ed il match si apre all'insegna di due soli colori: il bianco ed il celeste. L'inizio, per la Tarros, è da shock: parziale di 0-11. Il primo canestro dei padroni di casa arriva dopo ben 3 minuti e mezzo. La loro partita comincia qui e la seconda metà del primo quarto è una lenta ma inesorabile risalita, tanto che, al termine dei primi 10 minuti, i punti che gli uomini di coach Mori devono recuperare sono solamente 4. L'aggancio riesce in avvio di seconda frazione ed è subito seguito dal primo vantaggio: quando mancano 7 minuti e mezzo alla pausa lunga, la Tarros prima sorpassa il Follo, poi tenta l'allungo, anche se il gap rimane sempre molto risicato. A metà gara il tabellone dice: 40-38.
Al ritorno sul parquet la partita si fa ancora più equilibrata e le due formazioni navigano costantemente sulla linea della parità. I tre punti di vantaggio con i quali i bianconeri si presentano all'ultima frazione servono solo per la cronaca: tutto può succedere, tutto si decide ora. Lo spunto giusto lo trovano i padroni di casa che riescono a portarsi sino a +9, a metà frazione. Assolutamente vietato, però, pensare che il match sia chiuso. Il Follo non si arrende certo di fronte ad un vantaggio così risicato ed allora gli ultimi due giri di lancette sono tutti al cardiopalma. Da una parte i secondi sembrano volare, dall'altra non scorrere mai. I biancocelesti tentano il tutto per tutto ed alla fine giocano la carta del fallo sistematico. La Tarros però, stavolta, dalla lunetta spreca davvero poco e con questi liberi mette al sicuro il risultato. Si chiude sul 79-73. Per i bianconeri arriva la quarta vittoria della stagione, che porta ad 8 il bottino di punti e permette a coach Mori ed ai suoi uomini di rimanere in vetta al girone.
“Questa vittoria è molto importante – afferma il tecnico bianconero – “anche sul fronte del morale. Non nascondo certo che anche oggi abbiamo mostrato delle lacune: dobbiamo migliorare in molti aspetti, primi fra tutti l'intensità del gioco e l'atteggiamento, nel senso che dobbiamo pensare più da squadra. Sullo stesso argomento atteggiamento, però, non dimentichiamo l'avvio di gara: il parziale di 0-11 avrebbe anche potuto chiudere subito il match; noi, invece, siamo stati bravi a reagire e ribaltare tutto. Non è stato facile, certo: il Follo è una buona squadra e stasera lo ha dimostrato. Noi abbiamo arginato, o comunque limitato, Russo, Delibasic e Casettari, nelle cui mani solitamente si trova la maggior parte dei punti biancocelesti, ma il Follo  è stato bravo a trovare gioco e punti con tanti altri suoi uomini. Il match avrebbe potuto finire il modo diverso? Sicuramente sì, ma noi siamo stati bravi a fare sì che ciò non accadesse”.

Prossimo appuntamento per la Tarros la trasferta ad Alba, domenica prossima. Si riparte dai due punti di oggi e dalla grinta di reagire ad un inizio che avrebbe potuto decidere la partita, ma sapendo che in Piemonte servirà un altro passo in avanti, servirà essere davvero squadra.

SPEZIA BASKET CLUB TARROS – BASKET FOLLO: 79-73 (17-21; 40-38; 57-54)
 
SPEZIA BASKET CLUB TARROS: Santoni 19, Ferrari 4, Fazio 8, Nesti 9, Seravalli 17, Pipolo 14, Dal Padulo 7, Nebbia Colomba 1, Bucci n.e., Manzini n.e. Coach Marco Mori
BASKET FOLLO: Delibasic 13, Steffanini N. 24, De La Cruz 2, Casettari 14, Rege Cambrin 2,  Russo 7, Mavelli 11, Steffanini L. n.e., Benites 0, Scarpa 0. Coach Danilo Gioan

Più informazioni su