laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

La scomparsa dell’architetto Paolo Sanzin

Più informazioni su

LA SPEZIA – Sabato 1 novembre è scomparso l’architetto Paolo Sanzin, figura molto nota nell’ambiente culturale spezzino per la sua profonda conoscenza del  Futurismo
Figlio del poeta futurista triestino Bruno Giordano Sanzin (1906-1994), aveva ereditato dal padre un ricco archivio composto da documenti, corrispondenza, manifesti, riviste, libri e opere d’arte, testimoniante il fervido periodo caratterizzato in Italia dal movimento d’avanguardia.

Egli stesso aveva contribuito nel tempo ad arricchire questo patrimonio raccogliendo materiale sia sul Futurismo in tutte le sue espressioni, sia sull’attività letteraria e critica del padre, di cui aveva curato edizioni e riedizioni di grande pregio.
Trasferitosi alla Spezia in anni recenti, Paolo Sanzin si è sempre impegnato sul fronte dello sviluppo degli studi e della consapevolezza dei risultati del Futurismo in Liguria e, in specie, nella nostra città, stabilendo utili relazioni fra le istituzioni culturali spezzine e quelle di altre città, come Trento, Trieste, Genova e Chiavari, in cui  i risultati artistici dell’avanguardia futurista continuano ad essere apprezzati e coltivati.
Persona gentile ed elegante, Paolo Sanzin è stato sempre molto vicino alle Biblioteche e ai Musei della Spezia, di cui è stato utente speciale e attentissimo.

Pochi anni fa, l’architetto Sanzin e la moglie Anna Maria Sfondrini avevano deciso di mettere a disposizione questo ricco patrimonio  e di renderlo fruibile presso la loro abitazione a quanti intendessero intraprendere o approfondire studi su questa importante corrente culturale. Per questo era nata una collaborazione con la Biblioteca d’Arte  del Comune della Spezia, affinché facesse da intermediario tra il pubblico interessato alla consultazione del loro archivio e loro stessi, compiendo così una funzione di filtro culturale, necessario a garantire la sicurezza e la qualità del servizio offerto.
Da allora, la Casa-Museo “Archivio Bruno G. Sanzin” è  stata sempre aperta a studiosi, studenti, docenti, fornendo un notevole contributo in occasione degli studi condotti per la realizzazione della mostra e del catalogo dedicati al Futurismo, in cui compare un pregevole studio dell’architetto sulla Casa d’Arte futurista in via  Fossati.
Nel ricordarlo con gratitudine e affetto, le istituzioni culturali spezzine si uniscono al dolore della moglie Anna Maria.

Più informazioni su