laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Il Follo va a cento all’ora e torna alla vittoria

Più informazioni su

I biancocelesti battono la corazzata Domodossola davanti al pubblico del PalaMariotti in festa

LA SPEZIA – Torna il Follo che tutti aspettavano, quello che non solo lotta su ogni pallone, ma vince ed entusiasma. E’ con la sfida contro il Poli Opposti Domodossola che i biancocelesti riconquistano il successo che mancava da due giornate, battendo per 84 a 77 la quotatissima formazione di coach Morganti. Un’altra gara da manuale per i ragazzi di Gioan e Fambrini, scesi in campo concentrati e motivatissimi, che dopo un primo quarto in equilibrio, sono stati i padroni di casa dettare legge in campo per oltre due frazioni e mezzo. L’uscita di Petricca per infortunio al 10’ costringe gli ospiti a rivedere parzialmente gli schemi, ma indipendentemente dagli avvicendamenti, il fortino della difesa follese fa il suo dovere ed è ciò che maggiormente condiziona l’andamento del match: come il tecnico aveva chiesto alla vigilia, l’attacco ospite viene imbrigliato, con il solo Raskovic a fare il diavolo a quattro, e mette a segno soltanto 29 punti nel primo tempo. La sinfonia biancoceleste suona anche questa volta all’unisono, e non soltanto si fa il tifo per una formazione concreta e guizzante, ma ci si diverte anche, con una serie di azioni da manuale che evidenziano come i meccanismi, nelle file del Follo, siano sempre più oliati. Il vantaggio dei padroni di casa va in doppia cifra prima della pausa lunga con Delibasic dai 6,75 (35-25, +10): il team del presidente Amadori ci crede, e al ritorno in campo, trascinato da un Russo scatenato che snocciola tutto il suo repertorio, arriva al +18 (55-37). Foti, l’implacabile Raskovic, Maestrone e Realini mostrano i denti, e nella seconda metà dell’ultimo quarto accorciano le distanze. Quando mancano 1’32’’ alla sirena, il lungo del Domodossola segna il suo punto numero 23, portando a soli 3 punti il gap (80-77): il pubblico del PalaMariotti trattiene il fiato, poi Russo trova l’ennesimo guizzo vincente e segna un’altra bomba (83-77), per poi risultare nuovamente decisivo quando ruba palla a Maestrone, sventando un pericoloso attacco ospite. E’ De La Cruz, mandato in lunetta con il fallo sistematico, a mettere il sigillo che consegna la tanto attesa vittoria – e più che meritata – ad un Follo in festa.

Soddisfatto coach Danilo Gioan nel postgara: “Abbiamo dominato la partita e la difesa è stata la chiave, senza la quale sarebbe stato impossibile annullare Realini, Foti e Raskovic. Li abbiamo tenuti a 29 punti nel primo tempo, e solo sul finale abbiamo concesso loro di rientrare. Con questa gara abbiamo dimostrato che possiamo giocarcela con chiunque, ora ci prepariamo ad ospitare il Crocetta: dovremo affrontare anche quella partita con la stessa intensità. Alla luce della nostra prova, c’è rammarico per la sconfitta contro il Savigliano, che avremmo potuto evitare. Abbiamo pagato la nostra gioventù, dobbiamo migliorare la nostra capacità gestionale, ma i mezzi per far bene ci sono tutti”.

Tabellino:
Basket Follo – Poli Opposti Domodossola 84-77

Basket Follo: Russo 17, Tardivi, Mavelli, Steffanini N. 15, Delibasic 21, De La Cruz 3, Benites 2, Casettari 17, Scarpa n.e., Rege Cambrin 9. Allenatore: Danilo Gioan. Aiuto allenatore: Lorenzo Fambrini.

Poli Opposti Domodossola: Miceli n.e. Foti 13, Realini M. 15, Petricca, De Tomasi, Realini E. n.e., Cerutti 8, Raskovic 23, Frank, Maglio n.e., Maestrone 18. Allenatore: Marco Morganti. Aiuto allenatore: Andrea Valmaggia.

Parziali: 16-17, 40-29, 63-52.
Arbitri: Marco Recenti di Alba (CN) e Gianluca Danese di Moncalieri (TO).
Note: Fallo antisportivo a Maestrone (D); fallo tecnico a Russo (F) e De Tomasi (D).

Più informazioni su