laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

A mente fredda. Spezia Crotone 2 a 1

Più informazioni su

LA SPEZIA – Analiziamo, a mente fredda, la seconda vittoria consecutiva dello Spezia, nell’anticipo di venerdì sera contro il Crotone. Come sempre iniziamo dal nostro condottiero.
 
Mister Bjielica: a causa delle pesanti assenze del reparto difensivo, dispone la squadra con quattro difensori, tre centrocampisti in linea, un trequartista e due attaccanti. Per scardinare il muro alzato dal Crotone, arroccato in difesa con dieci uomini, Bjielica cambia modulo spostando il trequartista all’esterno del centrocampo. Modulo non congeniale alla squadra, che fatica a prendere le misure e trovare spazi per arrivare al gol. Il solito calo psico-fisico, a metà secondo tempo, permette ai crotonesi di prendere fiducia e di riuscire a sfiorare la rimonta, prima segnando il gol dell’1 a 2 e poco dopo colpendo la traversa a portiere battuto.
La mentalità vincente del mr sta pian piano entrando nel DNA di tutta la rosa che, gara dopo gara, dimostra sempre più grinta, tecnica ed intelligenza tattica. Scultore
 
La DIFESA: In porta confermato Chichizola, con Milos e Migliore sugli esterni, in mezzo Ceccarelli e Valentini. Non rischia niente fino al gol subito al 77’, con Chichizola che non sembra esente da colpe, e rischia il beffardo pareggio sei minuti dopo su tiro di Maiello che colpisce la traversa. Le due occasioni subite sono più imputabili al mancato filtro dei centrocampisti spezzini che alla difesa. Anche con la disposizione a quattro il reparto conferma la consueta solidità e i due laterali, Milos e Migliore, sembrano a proprio agio a partire da dietro. Duttile
 
Il CENTROCAMPO: Brezovec, Juande e Bakic in mediana e Schiattarella trequartista, costituiscono il centrocampo aquilotto. La inusuale disposizione del reparto giova a Bakic ma penalizza Juande che per molti minuti rimane ai margini della partita. Brezovec è il solito mastino di qualità e Schiattarella il jolly. Bakic e Brezovec (sostituito da Canadjija al 84°) macinano numerosi chilometri nella prima ora di gioco e entrano in riserva a metà ripresa, mettendo in difficoltà la difesa aquilotta. Pit-Stop
 
L’ATTACCO: Il mr da fiducia alla coppia Ebagua–Giannetti che ricambiano con una rete a testa:
Il primo con un piazzato da fuori area dove l’estremo difensore del Crotone non può arrivare, il secondo con un tuffo di testa da cineteca sotto la Curva Ferrovia. Nella ripresa Acampora sostituisce Giannetti e Ardemagni rileva Ebagua. I due cambi non modificano il finale di partita che vede i calabresi costantemente all’attacco e lo Spezia pronto a ripartire in contropiede. Importanti i due gol segnati dai bomber spezzini che infondono fiducia ad entrambi e danno un ennesima soluzione all’attacco di mr Bjielica. Welcome back.
 
Thomas Capellazzi

Più informazioni su