laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Innamorati in attesa della prima luna di miele casalinga

Più informazioni su

Quella degli umbri è una rosa dai nomi illustri, ma ad oggi costretta a lottare per non retrocedere. Solo tre le vittorie sinora conquistate, tutte lontane dal "Liberati".

LA SPEZIA – Sette punti nelle prime tre giornate, ma poi solo pareggi e sconfitte. Questo il cammino della Ternana sino a lunedì scorso, giorno in cui, dopo oltre due mesi, la parola vittoria è tornata di moda tra gli uomini di Tesser.

Quattordici i punti in classifica per i rossoverdi, ancora relegati nei bassifondi della B nonostante i tre punti conquistati a Bari nell'ultimo turno.

Tra le cause di questo avvio stentato vi sono certamente fattori come i pochi gol messi a segno, 12, e i troppi subiti, 17. A pesare maggiormente è però il "mal di casa": mai infatti gli umbri si sono imposti tra le mura amiche.

Eppure, analizzando la rosa di Patron Lungarini, spiccano nomi che di certo nulla hanno a che fare con l'attuale classifica: tra questi, su tutti, l'ex Fiorentina e Juve, Valery Bojinov, ma anche giocatori del calibro di Alberto Masi,  Luigi Vitale, Nicolas Viola, Felipe Avenatti e Fabio Ceravolo.

3-5-2 il modulo utilizzato dal "Comandante" Tesser, a rischio esonero sino alla vigilia di Bari.
Poi, però la svolta: il gol di Avenatti sembra infatti aver dato quella scossa che da troppo tempo mancava agli umbri.

Di certo, il momento delle conferme passa però inevitabilmente per la sfida interna contro lo Spezia.
Solo allora i rossoverdi avranno infatti  la conferma se quello di Bari è stato un colpo di testa vincente o più semplicemente un colpo di fortuna.

Andrea Licari

Più informazioni su