laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Uno Spezia camaleontico si appresta a misurare le ambizioni al Liberati di Terni

Più informazioni su

Spezzini al Liberati nel 2012

Proseguire con il 4-3-1-2 più offensivo o tornare al modulo della risalita, quel 3-5-2 che condensa copertura, possesso palla e pericolosità offensiva? La probabile formazione degli aquilotti.

LA SPEZIA – Lo Spezia camaleonte si prepara alla trasferta di Terni, nel primo vero banco di prova post-salto in alto.
A fronte di una cattiva notizia, e cioè l’assenza di Bakic impegnato con la sua nazionale, arriva la buona notizia degli imminenti recuperi, con tempi addirittura inferiori a quelli preventivati, di Catellani e Datkovic.

Per il mister dunque si avvicina il momento di altre scelte importanti oltre quelle fin ora compiute, scelte derivanti dall’abbondanza.

Lo Spezia è partito per Terni con la consapevolezza di poter agevolmente presentarsi con diversi schieramenti di partenza.

Il 3-5-2, col recupero di Piccolo, profuma di sicurezza Bjelicana e potrebbe essere il modulo ideale per servire al meglio due punte come Ebagua e Giannetti che fanno dell’area di rigore il loro territorio ideale.

Il 4-3-1-2 di ultima memoria casalinga potrebbe cambiare poco a centrocampo nel mezzo, essendo comunque Juande supportato anche in questo caso da due mediani, mentre si potrebbe accusare qualcosa nel gioco sulle fasce e come idea generale di “occupazione” forte del centrocampo.

Schiattarella sarebbe l’uomo in più di un centrocampo cosi composto, libero di spaziare sulla tre quarti avversaria e di pressare il facitore di gioco avversario.

Anche se desta qualche perplessità la sua utilizzazione in quel ruolo, per quanto si sia ben comportato nelle ultime uscite.

Il suo stato di forma mentale attuale potrebbe fare bene a tutti, anche se dal punto di vista tecnico si potrebbe lasciare qualcosa per strada.

AcamporaCanadja e Gagliardini si giocano probabilmente una maglia da titolare a centrocampo, a meno che il mister non decida di fare di questoSchiattarella ritrovato un uomo da mediana da affiancare a Brezovec Juandein caso di 3-5-2.

Giannetti ed Ebagua, ormai pienamente recuperati e con un pieno di fiducia in più dopo le marcature contro il Crotone, hanno nelle corde un gol a partita.

Se saranno in giornata, o se sarà in giornata almeno uno di loro due, lo Speziapotrebbe essere in carrozza non per sognare, perché questo già lo stiamo facendo, ma per prendere di petto ancora di più questo campionato che non ha mostrato squadre a noi superiori, ad iniziare dalle uniche due che ci precedono in classifica.

Sarà importante, comunque, andare a Terni con grande serenità, la serenità dispensata dal mister ogni settimana, consci che sarà importante anche solo fare punti, mentre quello che arriverà in più, se arriverà, sarà di importanza capitale.

Muovere la classifica sarebbe già una mattonella importante, portare via tre punti equivarrebbe ad un mattone di fiducia pesantissimo in vista della partita interna contro il Bologna.

Sognando una sfida d’altissima classifica e di un calcio che respireremo, chissà, negli anni futuri in questa città.

La probabile formazione delle aquile al Liberati di Terni:
 

Dennis Maggiani – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it/

Più informazioni su