laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Mato Milos: “Non ci montiamo la testa, ma siamo un grande gruppo e faremo grandi cose” (Video)

Più informazioni su

Anche se non ho giocato da subito, questo è il mio lavoro e quando sono stato chiamato in causa ho risposto al meglio perché mi sono sempre allenato con impegno e costanza

LA SPEZIA – È uno dei tanti ragazzi croati che militano nello Spezia di Nenad Bjelica: Mato Milos, difensore classe ’93 in prestito dal Rijeka, si è fatto apprezzare nelle partite disputate fino ad ora, per la sua velocità sulla fascia, la visione di gioco e una notevole grinta e voglia di far bene. Nonostante la sua giovane età, quando è stato chiamato dal mister si è fatto subito trovare pronto, fornendo prestazioni all’altezza e meritandosi il posto da titolare.
“Non è stata facile la partita contro la Ternana – ha spiegato – comunque l’importante è che dopo il periodo positivo abbiamo comunque preso un punto e continuato il nostro buon momento. Il pareggio in trasferta è un buon risultato e siamo contenti“.

L’esperienza allo Spezia non lo ha visto subito scendere in campo da titolare,  ma quando è stato chiamato da mister Bjelica, si è fatto trovare pronto: “Anche se non ho giocato da subito, questo è il mio lavoro e quando sono stato chiamato in causa ho risposto al meglio perché mi sono sempre allenato con impegno e costanza“.

La lontananza da casa ogni tanto si fa sentire: “Mi mancano la mia famiglia e i miei amici, ma mi trovo molto bene qui, per me è come una seconda casa. Sto anche imparando l’italiano con gli altri compagni croati“.

Ottima forma fisica e buon momento a livello di prestazioni: “Sto vivendo un buon momento, sono stato anche convocato nell’Under 21 croata, ma non ho ancora fatto nulla. Sto crescendo e devo fare sempre meglio. Mi piace il ruolo in cui gioco nello Spezia e lo sento mio, comunque sono a disposizione del mister per ogni tipo di cambiamento“.

Croato di Pola, Milos viene da una regione geografica particolare: “In Istria convivono italiani e croati, noi generazioni giovani ci sentiamo sicuramente più aperti all’Europa rispetto ai più adulti, anche grazie al turismo, che si è sviluppato molto negli ultimi anni nella nostra zona“.

Infine un riferimento alla gara casalinga di sabato pomeriggio contro il Bologna: “La prossima partita sarà come quella contro la Ternana, non importa se giochiamo contro una squadra che sta più in alto in classifica: la serie B è difficile e noi dobbiamo affrontare ogni partita puntando alla vittoria. Si sta formando un buon gruppo e ne siamo molto contenti“.

Giulia Lorenzini – © Riproduzione Riservata
www.speziacalcionews.it/

Più informazioni su