laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Basket | La Tarros resta in vetta

Più informazioni su

I bianconeri battono il Cus e mantengono la leadership del girone. Presidente Caluri e coach Mori: “Siamo soddisfatti: bel gioco e bella reazione; resta qualcosa da migliorare, ma la strada è quella giusta”

LA SPEZIA – “Dovevamo vincere ed abbiamo vinto”: si può riassumere così il pensiero del Presidente bianconero Danilo Caluri al termine del match che ha visto i suoi ragazzi imporsi sul Cus Genova. Poi, analizzando la partita, spiega: “Sono soddisfatto di quello che abbiamo fatto sul parquet, si è visto un bel gioco, anche se contro Trecate avevamo difeso meglio. Non siamo stati bravi a mantenere il vantaggio, ma abbiamo avuto un'ottima reazione”.
Poi guarda avanti: “La prossima settimana ci aspetta un'altra trasferta, su un campo non facile come quello del Savigliano: sarà anche quella una partita molto importante, che potrebbe segnare la svolta decisiva, anche perchè poi il calendario, almeno sulla carta, ci sorride. Non ci sono mai partite facili e noi non sottovalutiamo certo nessuno: il rispetto per gli avversari è al primo posto, ma le formazioni attualmente nella parte alta della classifica le abbiamo incontrate quasi tutte”.
 
Sulla stessa linea, l'analisi di coach Marco Mori: “Quella di stasera era una partita assolutamente da vincere e siamo riusciti a farlo. Siamo partiti bene, poi ci siamo un po' smarriti, ma siamo stati bravi a non farci prendere dal panico quando il Cus ci ha raggiunto a metà dell'ultima frazione: quando vieni ripreso nella parte finale della gara, e per di più in trasferta, non è mai facile avere la lucidità e la concentrazione giuste per reagire. Penso che, oltre all'atteggiamento mentale, di buono si sia visto anche il gioco, soprattutto in fase di attacco; resta da migliorare qualcosa al rimbalzo ed in difesa, dove dobbiamo essere più “cattivi”, ma la squadra c'è. La strada è quella giusta”.

Piani rispettati, quindi, almeno sin qui, con l'inizio di stagione che si sperava. Anche oggi, contro il Cus,  i bianconeri hanno fatto vedere un bel gioco e hanno conquistato due punti importanti per classifica e morale.
 
La Tarros parte bene, l'equilibrio ed il botta e risposta con il Cus durano solo 4 minuti, poi il primo break bianconero: 7 punti che danno il là all'allungo. Ad 1' dalla fine del primo tempino Nesti piazza il canestro del +13, fin qui massimo vantaggio, solo di pochissimo ridimensionato un giro di lancette dopo: la prima frazione si chiude sul 18-29.
 
Alla ripresa del gioco a prevalere sono gli errori, da una parte e dall'altra: gli ospiti impiegano quasi 2 minuti per muovere di nuovo il tabellone; un minuto in più serve ai padroni di casa, che però poi ingranano la marcia giusta. Per la Tarros è black out: il canestro sembra stregato e per ben 4' i bianconeri non riescono a gonfiare la retina. Il Cus ringrazia e si riavvicina pericolosamente andando a soli due passi dall'aggancio, poi negli ultimi 2' prima della pausa lunga torna il botta e risposta tra le due formazioni. A metà gara il risultato si fissa sul 36-40: gli ospiti sono sempre in vantaggio ma il tesoretto accumulato nella prima frazione è stato quasi tutto sperperato.
 
Basta una bomba di Bestagno appena le squadre mettono nuovamente piede in campo per ridurre ad appena un punto il divario: praticamente per la Tarros è tutto da rifare, ma il replay della prima metà gara va in scena. Gli ospiti, infatti, piazzano un break di 11 punti che permette loro di riacquistare un buon margine e così, a metà tempino, è di nuovo massimo vantaggio, +13; poi il Cus recupera qualcosa. Agli ultimi 10 minuti le formazioni si presentano sul 52-61.
 
Purtroppo per i bianconeri, però, il replay della prima metà gara continua e va in scena anche il secondo recupero dei biancorossi che, stavolta, è completo. Dal 30' al 33' gli uomini di coach Maestri portano a termine l'operazione riaggancio: la Tarros riesce a mettere a segno solo una tripla, con Santoni, loro, invece, ben 12 punti  e così a 6'54" dalla fine è assoluta parità, 64-64. Ora per gli spezzini è davvero tutto da rifare. La determinazione, la grinta e la concentrazione, però, sono quelle giuste e così la Tarros trova le energie che servono per non buttare via il match. Anche il tentativo dei biancorossi del fallo sistematico non riesce. Alla sirena il punteggio è di 78-84.

Per gli spezzini arriva così un altro successo importante ed altri due punti che valgono il mantenimento della vetta.
Prossimo appuntamento, ancora una volta in trasferta, sabato 29 novembre contro il Savigliano.

CUS GENOVA – SPEZIA BASKET CLUB TARROS: 78-84 ( 18-29; 36-40; 52-61)

CUS GENOVA: Bedini F. 0, Bestagno 3, Gorini 3, Bigoni 12, Dufour 14, Baiardo 3, Mangione 14, Bedini A. 12, Macrì 15, Meroni 2. Coach Maestri

SPEZIA BASKET CLUB TARROS: Santoni 27, Ferrari 14, Fazio 8, Nesti 16, Seravalli 18, Pipolo 0, Dalpadulo 0, Giachi 1, Bucci 0, Manzini 0. Coach Marco Mori
 

Più informazioni su