laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Nuovo orario, Trenitalia Liguria: confermati tutti i Frecciabianca in Liguria

Più informazioni su

GENOVA – Aumentano i collegamenti e le fermate a Milano e a Rho Fiera Milano per le Frecce Trenitalia in occasione di Expo 2015.
 
È la principale novità dell’orario Trenitalia per il 2015, al via da domenica 14 dicembre, in vista dell’Esposizione Universale a cui partecipano 147 Paesi, in programma dal primo maggio al 31 ottobre 2015.
 
Milano e Rho Fiera Milano diventano infatti il principale hub Trenitalia perché collegate con più frequenza con Roma, Torino, Bologna, Reggio Emilia AV, Firenze, Napoli, Salerno oltre a Venezia, Padova, Verona, Trento, Bolzano e Bari, Lecce, Lamezia Terme e Reggio Calabria: 236 treni al giorno da tutta Italia, di cui 148 Frecce.
 
Dal 14 dicembre infatti, ogni giorno, a Milano Centrale fermano 72 Frecciarossa, 64 Frecciabianca, 36 treni internazionali e 38 tra InterCity e InterCity Notte. A Milano Porta Garibaldi sono previsti 12 Frecciarossa e quattro InterCity Notte e a Milano Rogoredo 16 Frecciarossa, due Frecciabianca e 14 InterCity.

FRECCIABIANCA
Ottantasei Frecciabianca costituiscono il network le Frecce. Confermati i 12 Frecciabianca che uniscono Torino, Milano e Genova a Roma Termini e le due corse Frecciabianca Roma Termini – Ravenna.  Sono 44 i Frecciabianca che collegano Torino e Milano a Venezia, Udine e Trieste. Sono 24 i Frecciabianca che collegano Torino, Milano, Venezia alla costa Adriatica.
 
ROTTE INTERNAZIONALI
Vengono rafforzate e consolidate le rotte internazionali con Francia, Svizzera, Germania e Austria. Il network Thello (Venezia – Milano – Digione – Parigi) si estende. Prende il via infatti dal prossimo 14 dicembre il nuovo collegamento Thello Milano – Genova – Nizza – Marsiglia  che unisce le principali città della Lombardia e della Liguria alla Costa Azzurra e alla Provenza. La corsa diretta in Francia parte da Milano Centrale alle 15.10 e da Genova Piazza Principe alle 16.56, quella diretta in Italia invece è prevista da Marsiglia alle 15.30 e da Nizza alle 18.09. In territorio italiano i treni fermano anche a Pavia, Voghera, Savona, Finale Ligure, Albenga, Alassio, Diano Marina, Imperia, San Remo, Ventimiglia. In Francia le stazioni servite sono quelle di Mentone, Monte Carlo, Antibes, Cannes, Saint Raphael, Les Arcs, Tolone, oltre a Nizza e Marsiglia Saint Charles.
 
SERVIZI NOTTE (ICN)
Sono 24 (di cui due a cadenza periodica) i collegamenti notte sulle rotte Milano – Sicilia (via Genova), Torino – Salerno (via Milano e via Genova), Bolzano – Roma, Trieste – Roma (passando da Udine), Milano – Lecce, Torino – Lecce, Torino – Reggio Calabria (via Milano), Roma – Sicilia e, nel fine settimana, Roma – Lecce.
 
SERVIZI GIORNO (IC)
Sono 100 (di cui sei a cadenza periodica) i collegamenti del servizio universale giorno. Presenti su quasi tutta la rete nazionale (ad eccezione della Milano – Venezia), collegano in maniera capillare circa 200 città. Garantiscono un efficiente sistema di interscambio con i treni del trasporto regionale e con quelli ad alta velocità.
 
TRASPORTO REGIONALE
Sempre dal 14 dicembre prende il via la nuova programmazione oraria in ambito regionale, definita secondo le richieste avanzate dalle Regioni committenti, nell’ambito dei Contratti di Servizio.
 
Sono 21 i Contratti oggi in vigore, circa il 90% in scadenza il prossimo 31 dicembre 2014. Riguardano i servizi ferroviari offerti a circa 2, 3 milioni di passeggeri con più di 8.500 corse al giorno.
 
Gli attuali contratti hanno consentito a Trenitalia di procedere nell’acquisto di nuovi treni e di ammodernare carrozze già in esercizio: entro il 2015 sarà completata la consegna di una nuova flotta di 210 convogli, tra diesel ed elettrici, e saranno in circolazione oltre 1.100 carrozze ammodernate.
 
Fra i treni nuovi di zecca, le doppio piano Vivalto (11 previsti in Liguria di cui 4 già consegnati), le elettromotrici Jazz, è il nuovo treno diesel presto in consegna a Marche, Molise, Basilicata, Abruzzo e Toscana.
 
Sono sette le Regioni che hanno già intrapreso la strada dell’affidamento del servizio tramite gara europea. Si va da chi le ha annunciate con una propria delibera a chi ha preannunciato la gara sulla Gazzetta Ufficiale dell’UE (Liguria),  fino a chi è già giunto alla fase di prequalifica o di valutazione finale delle offerte.
 
I tempi minimi per l’avvio del nuovo appalto variano dai 3 ai 5 anni, esclusi eventuali contenziosi. Da qui l’opportunità, per chi intende percorrere la strada dell’affidamento per gara, di siglare contratti ponte che consentano di non interrompere gli investimenti nel rinnovo di una flotta che ha un’età media di circa 20 anni. Sia i contratti ponte che i nuovi contratti con affidamento diretto si connoteranno per obiettivi di qualità e indicatori di performance più elevati degli attuali, riferiti a standard europei e distinti per singole direttrici.
 
A tal fine Trenitalia è impegnata ad attivare una nuova piattaforma tecnologica che metterà in condizione le sue sale operative di prevedere e gestire meglio alcune criticità, minimizzandone quindi le ripercussioni su puntualità e regolarità del servizio e, al contempo, rendendo l’informazione alla clientela più tempestiva ed esauriente.
Trenitalia si sta anche proponendo sempre di più, con il committente Regione, non nella sola veste di fornitore ma in quella di partner tecnico, in grado di proporre soluzioni e modelli di mobilità più congeniali alle specifiche esigenze del territorio. Una concreta dimostrazione di questa impostazione si ha nel Lazio, dove i servizi ferroviari stanno acquistando una sempre più marcata efficacia anche in ambito urbano e metropolitano e dove il 14 dicembre prenderanno il via nuovi servizi in fascia pendolare lungo le direttrici più affollate.
 
Trenitalia ha infine arricchito e resa capillare la propria rete di vendita regionale che oggi, grazie ad accordi con altri partner, può contare in tutt’Italia su oltre 70mila Punti Vendita Abilitati, presso tabaccherie, ricevitorie, bar ed edicole. E ha da poco lanciato una TPL Smart Card con l’obiettivo di  trasformarla a breve da semplice carta per la mobilità, utilizzabile per l’acquisto del biglietto e dell’abbonamento del treno e dell’autobus, in carta multi servizi e carta bancaria.
 
Su questo fronte Trenitalia ha siglato un accordo con CartaSì attraverso il quale le attuali carta fedeltà, le CartaFreccia, potranno anche essere utilizzate come Carta Pagamento.

Più informazioni su