laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Campagna di raccolta firme per la legge ligure «Acqua bene comune»

Più informazioni su

ARCOLA – Passa anche da Arcola la campagna di raccolta firme per la legge ligure “Acqua bene comune”. Il primo appuntamento, organizzato dal Comitato promotore, era stato il 26 novembre presso il Circolo Arci Baccano, ora analoga iniziativa si svolgerà al Ponte di Arcola, presso la Sala Polivalente in Piazza 2 Giugno, giovedi 11 dicembre alle ore 21. La campagna di raccolta firme nasce a sostegno della legge d'iniziativa popolare sul "Servizio Idrico Integrato della Regione Liguria", che ha l'obiettivo di dare seguito ai Referendum sull'Acqua pubblica del giugno 2011 (che hanno raggiunto il quorum e hanno vinto con oltre il 95% di Sì).  Nel concreto si propone una legge regionale, che non è una semplice riorganizzazione burocratico-amministrativa, ma una proposta politica ed economica imperniata sulla sostenibilità ambientale e che si prefigge i seguenti obiettivi: contribuire a colmare il debito ecologico finora accumulato e considerare la tutela del territorio, le risorse naturali, la biodiversità e i diritti umani un vincolo assoluto e ineludibile. Tutelare la risorsa idrica sia sotto il profilo quantitativo che qualitativo, attraverso la redazione di bilanci idrici che garantiscano il diritto all’acqua, conformare il più possibile il Servizio Idrico Integrato (SII) con le caratteristiche idrografiche dei territori. A questo proposito la proposta prevede l’istituzione, attraverso apposita legge regionale, di distretti idrografici all’interno della regione, i quali tengano conto dei territori, delle scelte strategiche e della disponibilità della risorsa idrica. Al centro del processo di formazione di ogni politica sull’acqua, deve essere prevista la partecipazione ad ogni livello di cittadini, enti ed associazioni. Infine favorire, in forza agli esiti dei referendum del giugno 2011, l’affidamento ad un Ente di diritto pubblico (Azienda speciale o consorzio tra Comuni), per una gestione pubblica, trasparente e partecipativa del SII, secondo criteri di efficienza, efficacia ed economicità.

Più informazioni su