laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

BRESCIA – SPEZIA 0 – 1 | I leoni siamo noi!

Più informazioni su

Spezia corsaro in quel di Brescia grazie alla rete di Situm al secondo minuto di gioco. Buona la prestazione delle Aquile, più volte vicine al raddoppio, ma fermate da un super Arcari. Il secondo posto, ora, dista una sola lunghezza.

LA SPEZIA – In un Rigamonti ancora frastornato dalla crisi societaria e dalle notizie del cambio di proprietà, Brescia e Spezia sia affrontano in quella che è la diciottesima giornata del campionato cadetto.
Reduci, rispettivamente, dalla sconfitta di Vicenza e dal pareggio interno contro il Cittadella, le due formazioni, capaci di conquistare un solo punto nelle ultime due giornate, cercano di emergere da un periodo non certo semplice.

Dirige l'incontro Baracani di Firenze, coadiuvato dagli assistenti Raparelli e Olivieri, con Caso quarto uomo.

4-3-2-1 per i lombardi con Arcari tra i pali, Coly, Antonio Caracciolo, Di Cesare e Sestu a comporre la retroguardia, Olivera, Bentivoglio e Benali sulla mediana, Valotti e Morosini ad agire come mezzepunte dietro Razzitti, chiamato a sostuituire capitan Caracciolo, ancora out per infotunio.

Molte le novità, invece, in casa Spezia con Bjelica che, pur confermando il 3-5-2, lancia dal primo minuto Datkovic e Canadija, complici le squalifiche di Valentini e Juande, ma anche De Col, al rientro dopo lo stop di Livorno, Bakic e Situm.
A comporre l'undici titolare, dunque, l'argentino Chichizola in porta, Datkovic, Ceccarelli e Piccolo in difesa, De Col, Brezovec, Canadija, Bakic e Milos a centrocampo, con Catellani Situm a completare il reparto offensivo.

Neanche il tempo di iniziare e lo Spezia, sugli sviluppi di un calcio d'angolo, trova subito il vantaggio con Mario Situm, bravo a raccogliere di testa l'ottimo cross di Brezovec. Secondo marcatura per il piccolo talento croato, in rete dopo il gol messo a segno nel match vinto contro il Perugia lo scorso quattro ottobre.

Nella vivacità di Coly la reazione del Brescia, ma la retroguardia bianca è attenta. Al 7' ci prova bomber Catellani, ma il suo mancino è rasoterra, non creando problemi ad Arcari.
Sempre Spezia in avanti, con Brezovec che all'undicesimo impensierisce l'estremo difensore lombardo con un potente destro, respinto però dall'estremo difensore.

Aquile in pieno controllo del match e sempre pronte a ripartire dopo le sterili azioni degli uomini di Iaconi.
Al 25' Spezia pericoloso con De Col che, a tu per tu con Arcari, si fa parare la conclusione. Due minuti più tardi, occasionissima per il raddoppio, questa volta con Catellani, imbeccato da un ottimo filtrante di De Col, ma è ancora il numero uno lombardo a superarsi con i piedi.

Brescia sonoramente fischiato dal pubblico di casa e incapace di creare apprensioni allo Spezia. Al 38' ci prova Morosini, ma il suo tiro non impensierisce Chichizola.

Sul finire del primo tempo, reazione d'orgoglio dei leoni con la pericolosa conclusione di Valotti, di poco alta sulla traversa.

Dopo due minuti di recupero, squadre negli spogliatoi con lo Spezia meritatamente in vantaggio e più volte vicina al raddoppio. Brescia troppo confusionario e perennemente beccato dai fischi del pubblico amico.

Alla ripresa, fuori Bakic per Schiattarella per lo Spezia, mentre tra le fila del Brescia, out l'evanescente Morosini per l'ex Lecce e Roma Corvia.
Proteste, al primo, per un presunto atterramento in area di Valotti, ma secondo Baracani è tutto regolare
Al 3' svetta di testa Catellani, con il palline che per poco non supera Arcari.

Aquilotti sempre con il pallino del gioco in mano e sfortunati con Canadija che al 4', con una bordata da fuori area, colpisce la traversa, complice la deviazione del numero uno bresciano.

Al 18' secondo cambio per i bianchi, con Bjelica che getta nella mischia Sammarco, sostituendo Brezovec, tra i migliori in casa Spezia.
Sale, dal 20', la pressione degli uomini di Iaconi che, dopo un ribaltamento di fronte, si presentano in area con Corvia, ma il diagonale sinistro dell'attaccante romano  finisce sul fondo.
Al 22', ultimo cambio per i bianchi, con Cisotti che sostiuisce Situm. Anche il Brescia corre ai ripari, con il brasiliano Sodinha che prende il posto di Valotti.

Lo stesso brasiliano tenta di ravvivare i suoi con una bella giocata di tacco al 26' che smarca in Area Corvia, ma la difesa spezzina si chiude bene.

La partita è più che mai viva e nel giro di un minuto regala due emozioni: la prima con l'ennesimo miracolo di Arcari su Cisotti e la seconda con la traversa colpita da Corvia con una punizione dalla distanza.
Al 37' ultima sostituzione per il Bresci, con Iaconi che getta nella mischia il giovane talento marocchino – olandese H' Maidat al posto dell'insufficiente Razzitti.

Nei minuti finali sale la stanchezza per entrambe le compagini con errori di palleggio sia per il Brescia che per lo Spezia. Ci provano i lombardi con le residue forze, ma la difesa ligure si difende con ordine.

Al 94' finisce però la partita: dopo quaranta giorni, torna alla vittoria lo Spezia. A decidere l'incontro la rete ad inizio gara di Situm.
Ottima prova di carattere per le Aquile che, nonostante le numerose defezioni, hanno saputo offrire una prestazione davvero convincente.
Alla luce dei fatti, troppo esiguo il risultato finale, con Arcari che in più occasioni ha superato se stesso, salvando i suoi. Dal canto proprio il Brescia può recrimare la traversa colpita da Corvia, ma il pareggio sarebbe stato alquanto ingiusto.

Aquilotti che volano a 29 punti, a pari merito del Livorno, ma soprattutto a un punto dalla seconda posizione occupata dal Frosinone, reduce dal pari di Bologna.
Ora un'altra trasferta, quella di Vicenza. Avanti tutta!

Andrea Licari

Più informazioni su