laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Olivier Manchion Live al Btomic Club

Più informazioni su

Venerdi 19 ore 22.30.

LA SPEZIA – Manchion, Parigino, membro fondatore, coproduttore e bassista degli Ulan Bator con il quale ha pubblicato classici del “post-punk/rock” come “Polaire”, “Végétale” e l’ultimo “Ego:Echo”, prodotto da Michael Gira (Swans); scoperti in Italia dai CSI il trio infuocherà i palchi italiani fino alla pubblicazione di “Ok:Ko”. Nel 2001 alla ricerca di nuovi spazi sonori Olivier lascia Ulan Bator e crea Permanent fatal error con il quale pubblicherà l’album “Law Speed” (2004) prima di reintegrare brevamente Ulan Bator e collaborare di nuovo con Faust e Damo Suzuki.

A gennaio 2015 uscirà un nuovo EP di Permanent Fatal Error: “Deaf sun / Deaf blues” (Secret Furry Hole) con un organico di 7 musicisti includendo Franck Lantignac, primo batterista di Ulan Bator.

Uomo di mille progetti e collaborazioni, tra cui i leggendari padri del krautrock Faust ma anche Damo Suzuki (Can) che porterà in Italia dal 2002, dirige anche dal 2009 il supercollettivo reggiano Arzân e dal 2013 ha lanciato a Reggio Emilia, dove vive dal 2001, le serate Red Noise dedicate alle band emergenti del panorama reggiano.

"Con PFE al centro della musica c'e' il pulsare cardiaco del basso: caldo e pieno di frequenze che si dispiegano per intero, senza tagli. Tutto intorno lo spazio: ora fratturato, ora diluito oppure organizzato, ora silenzioso, ora rumoroso. Ci sono trombe jazz, loop di chitarre reiterati all'infinito, suoni d'ambiente e un senso magmatico del tessuto musicale.
Lavoro tanto fisico quanto cerebrale, tra ipnotismi e scosse telluriche. Ad ogni modo, sembra suonare sottopelle. Somiglianze e richiami vanno a gruppi come GodspeedYou!BlackEmperor o agli Swans e Michael Gira" [Il manifesto]

Più informazioni su