laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Le iniziative della Fondazione per i malati oncologici terminali

Più informazioni su

LA SPEZIA – Sin dal 2008 la Fondazione ha promosso, attraverso l’Associazione Spezzina Apuana Gigi Ghirotti Onlus e d’intesa con l’ASL 5 Spezzino, il servizio di Cure Palliative domiciliari per i malati oncologici terminali, stanziando oltre un milione di euro e fornendo assistenza a circa 650 persone sull’intero territorio provinciale.
Il sostegno dell’ASL 5 è stato gradualmente incrementato con l’obiettivo che, a decorrere dal 2015, il servizio fosse sostanzialmente a carico della sanità pubblica e la Fondazione potesse destinare nuove risorse ad altre iniziative rivolte a patologie di particolare complessità e impatto sociale.


In tale prospettiva la Fondazione ha nel contempo realizzato all’ultimo piano dell’edificio destinato a Polo Riabilitativo del Levante Ligure nove locali, appositamente progettati e attrezzati secondo i più moderni standard, per ospitare altrettanti pazienti terminali e i loro congiunti, oltre che idonee strutture sanitarie e di assistenza.
La realizzazione di tale hospice era prevista dal progetto originario approvato dal Comune della Spezia e dalla variante relativa alla trasformazione in Polo Riabilitativo approvata dagli Enti competenti, inclusa l’ASL 5.
In occasione dell’inaugurazione del nuovo Polo Riabilitativo gli stessi vertici della Regione Liguria avevano espresso disponibilità a valutare la destinazione ad hospice dei locali dell’ultimo piano e, in seguito, esponenti del mondo della sanità e delle organizzazioni del Terzo Settore hanno dato vita a un movimento d’opinione, elaborando concrete proposte per l’avvio del servizio di hospice.
In particolare, si è prevista, in fase transitoria, l’integrazione di risorse pubbliche e private – sulla positiva esperienza del progetto “Cure Palliative” -, in modo da non ostacolare la contemporanea attivazione dell’analogo servizio presso l’Ospedale di Sarzana.
Tale proposta prevede che nella fase iniziale il costo annuo del servizio sia compreso tra i 650 e gli 800 mila euro, e la Fondazione si è resa disponibile a contribuire con l’importo di 250 mila euro annui, in linea con quanto inizialmente stanziato a favore dell’Associazione Gigi Ghirotti per il progetto “Cure Palliative”.

Tuttavia, tale previsione dovrà essere necessariamente rivista in quanto l’ASL 5 ha recentemente comunicato da un lato che il progetto “Cure Palliative” dal 2015 sarà ancora una volta parzialmente finanziato con risorse pubbliche, dall’altro che la “programmazione regionale” prevede l’attivazione dell’hospice solo presso l’Ospedale di Sarzana. La Fondazione ha pertanto sollecitato il Sindaco della Spezia, Massimo Federici, quale presidente della Conferenza dei Sindaci affinché l’Amministrazione Regionale riveda la propria programmazione, prevedendo la contemporanea attivazione dell’hospice sia nell’Ospedale di Sarzana che nel Polo Riabilitativo della Spezia.

Più informazioni su