laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Più tutela e benessere per gli animali in città, divieto di fare esplodere i botti

Più informazioni su

LA SPEZIA – Dopo la mozione contro la vivisezione, dopo l’installazione della cartellonistica che dichiara la Spezia Città contro la Vivisezione,  la nostra città a seguito della mozione votata nel dicembre 2012 ( anche questa presentata dal consigliere Masia) ha finalmente un Regolamento Animali di buon livello,  che si pone come principale obiettivo il giusto equilibrio tra la garanzia della salute   pubblica,  la tutela del benessere degli animali,  la corretta convivenza tra istituzioni, cittadini e animali di affezione ( e non  solo ), riconoscendo a quest’ultimi   il diritto ad un esistenza  compatibile con le proprie caratteristiche biologiche ed etologiche.
 
Il regolamento è stato realizzato anche grazie ad un lungo lavoro di confronto con gli Enti e le Istituzioni presenti nel territorio, le  associazioni ambientaliste e animaliste, gli ordini e le associazioni di categoria  e una volta portato all’interno dei lavori  della Commissione Consiliare competente anche grazie al lavoro profuso da tutti i consiglieri, in particolar modo  da Masia e Guerri che  sollecitati da cittadini e ulteriori associazioni animaliste e ambientaliste hanno prodotto  sotto forma di emendamenti (approvati nella loro quasi totalità)  integrazioni e migliorie.
 
Tra gli emendamenti, da parte di Guerri  segnaliamo  a tutela dei cani vittime dei forasacchi, periodiche e puntuali operazioni di sfalcio di erbacce  con metodi ecocompatibili  e da parte di Masia (26 emendamenti) segnaliamo tra i più significativi quelli che  miravano ad introdurre maggior valenza scientifica (Piano Faunistico Urbano, presente nel dettaglio all'interno della mozione  che richiedeva la stesura del nuovo regolamento animali), maggior competenza e professionalità degli operatori che a vario titolo utilizzano animali nell’ambito della loro  attività (pet therapy, centri di addestarmentio cani etc),  ulteriori divieti oltre a quelli presenti( divieto di ogni tipo di amputazione quali  asportazione di  speroni, artigli e denti agli animali  etc),  migliore servizio  al pubblico   per  una  maggior collaborazione tra cittadini e amministrazione  (sportello del Front- office), maggior tutela dei volatili  compresa la  massima  attenzione nei lavori di rifacimento delle facciate per i nidi di rondine e nei lavori  di potatura  per gli altri nidiacei, maggior tutela per gli equidi,  l’emendamento che vieta su tutto il territorio del comune della Spezia fare esplodere  petardi, botti, fuochi di artificio e articoli pirotecnici in genere, salvo nei casi di ricorrenze, manifestazioni o eventi regolarmente autorizzati dall’Amministrazioni comunale e altri ancora.
  
Infine segnaliamo che, nel corso dei lavori sia della Commissione che del Consiglio Comunale sono stati presentati emendamenti  e odg tendenti a vietare la vendita degli animali durante le sagre e le fiere cittadine,  purtroppo  questi documenti non sono stati approvati,  ma tenendo  conto che il regolamento per sua natura è modificabile  e che è sempre più crescente  la sensibilità degli italiani verso un maggior rispetto per il  benessere degli animali, crediamo che in un prossimo futuro anche questa ( e altre)  conquista  di civiltà   sarà raggiunta.

Masia Roberto Luciano 

Più informazioni su