laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

FIM CISL: Oto Melara indotto e Finmeccanica

Più informazioni su

LA SPEZIA – Stiamo assistendo da diversi mesi, alla ristrutturazione di tutto il Gruppo Finmeccanica.
Ogni giorno siamo bersagliati da informazioni riguardanti bilanci, rassicurazioni sull’ occupazione, risanamenti, contenimento dei costi, divisionalizzazioni e scorpori di aziende.

La logica avrebbe voluto che si partisse con un piano industriale dove poterci confrontare in maniera costruttiva per capire il futuro delle nostre Aziende, un nuovo corso con un indirizzo strategico nuovo. Ad oggi però quello che abbiamo potuto vedere è di fatto un accentramento di funzioni sulla sede centrale a Roma dove il “nuovo” rischia di essere una brutta copia del “vecchio” un film già visto: pochi giorni fa un ordine di servizio di Finmeccanica stabilisce il trasferimento delle competenze sui servizi giudicati “no core” a FGS che è una divisione del Gruppo con sede nella Capitale.

La FIM CISL ribadisce le forti preoccupazioni in quanto, FGS gestirà l’ intero processo di acquisto e gestione degli appalti: dalla selezione del fornitore al pagamento dello stesso.
Temiamo che le nostre Aziende, attente da sempre, alle realtà industriali dell’ indotto locale, possano perdere anche questa parte di centralità e autonomia decisionale necessaria a fare le giuste scelte organizzative e produttive sul territorio.

La FIM CISL esprime la propria contrarietà ad azioni, da parte della Capogruppo, dettate esclusivamente da logiche di potere e presunti risparmi, tutti da dimostrare, che potrebbero anche compromettere la qualità dei servizi e della manutenzione degli impianti, come già successo in altre realtà. (oltretutto si vuole intervenire su una Azienda come Oto Melara dichiaratamente in attivo e con i conti in ordine).

Non è ammissibile che venga tralasciato l’ impatto sia industriale che occupazionale di un territorio la cui economa è fortemente basata sull’ industria della difesa, crediamo che la cittadinanza  e le istituzioni aprano gli occhi su quanto si sta facendo sui lavoratori Oto Melara ed lavoratori dell’ indotto.
La Fim Cisl ritiene doveroso chiedere come e dove verranno ricollocati i lavoratori che seguono direttamente queste attività e cosa ne sarà dei lavoratori dell’ indotto quando Finmeccanica imporrà direttamente le Aziende del Gruppo.

COSA ASPETTANO TUTTI?
Che i nuovi disoccupati , frutto di politiche industriali non condivise e generaliste, rivendichino legittimamente un posto di lavoro?
La FIM CISL ritiene che le Aziende come la nostra si possano salvare con veri investimenti sulla ricerca e nelle strutture, con logiche di sistema per la gestione del Know how aziendale, creando una rete di fornitori seri ed affidabile favorendo la filiera breve, conquistando in questo modo risparmi veri e controlli di gestione e qualità efficaci.
La logica del cambiamo per cambiare non ci appartiene, la logica delle verifiche e del rigore è parte del nostro DNA, noi crediamo che siano assolutamente necessarie tutte le verifiche che il gruppo intende approntare ma dopo, in una logica di mutua attenzione e condivisione, in maniera trasparente venga fornito il risultato della verifica e che come conseguenza vengano poste in rilievo  le pratiche di gestione eticamente ed economicamente favorevoli.

La gestione degli appalti sul territorio è una risorsa importante per l’ Azienda e per l’ occupazione, non buttiamo il bambino con l’ acqua sporca!

Più informazioni su