laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Sai che una pila è in grado di inquinare un’intera piscina olimpionica?

Più informazioni su

La Consulta del Centro Storico e la Confesercenti donano due raccoglitori di pile esauste

SARZANA – Con questo messaggio ci siamo recati alle scuole Poggi Carducci per incontrare gli alunni e chiedergli una mano a fare in modo che le pile vengano smaltite in modo corretto. Abbiamo anche distribuito oltre 400 locandine agli alunni che in modo semplice ed intuitivo spiegano come devono essere smaltite le pile.
Un ringraziamento particolare alla Preside, la Dott.ssa Pettillo, che ha da subito compreso la nostra iniziativa e ci ha aperto le porte della sua scuola con tanto entusiasmo.

Le pile e gli accumulatori esausti sono inquinanti per i metalli pesanti che contengono, quali il piombo, il cromo, il cadmio, il rame e lo zinco, ma soprattutto il mercurio, il più pericoloso. Le quantità di mercurio contenute nelle pile sono minime, ma se vanno in discarica, o peggio, se sono gettate nell'ambiente il rischio di inquinamento, in particolare delle acque è molto alto. Una pila contiene circa un grammo di mercurio, quantità più che sufficiente per inquinare 1.000 litri di acqua. Ogni anno, circa 800.000 tonnellate di batterie per auto, 190.000 tonnellate di batterie industriali e 160.000 tonnellate di pile portatili (di cui 30% ricaricabili) vengono immesse sul mercato nella Unione Europea. Attualmente, la raccolta, il trattamento e il riciclaggio delle pile usate in Europa sono frammentari, mentre quasi la metà di tutte le batterie è stata smaltita in inceneritori o in discariche.

Per cercare di rendere la nostra città e l’ambiente che ci circonda più pulito l’Assessore all’Ambiente Massimo Baudone  e la Consulta Territoriale del Centro Storico con il suo Presidente Massimiliano Giampedroni con il contributo della Confesercenti ed il suo Presidente Alessandro Ravecca hanno deciso di dotare il centro storico cittadino di due raccoglitori di pile esauste, uno sarà posizionato in Piazza Garibaldi e l’altro in Piazza Matteotti, per fare in modo che le pile siano smaltite in modo corretto e senza creare danni all’ambiente.

L’acquisto è stato fatto grazie un contributo economico della Confesercenti e con un’altro di pari importo da parte della Consulta, rinnovando così lo spirito di partnership tra pubblico e privato che è alla base del programma degli interventi della Consulta del Centro Storico.

La raccolta e lo svuotamento dei raccoglitori di pile sarà a carico dei componenti del Consiglio della Consulta che , attraverso un progetto legato all’albo dei Volontari Civici, offriranno la loro disponibilità per raccogliere le pile e poi portarle all’oasi ecologica di Silea, gestita da ACAM Ambiente, dove è possibile smaltirle in sicurezza.

Chiediamo a tutti i cittadini di aiutarci a raccogliere le pile per rendere più bella e pulita la nostra Sarzana.

Più informazioni su