laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Virtus chiude il 2014 con un’altra sconfitta

Più informazioni su

Virtus Carispezia Termo – Techmania Battipaglia 68-92
Parziali: 14-25, 32-47, 52-76.

Virtus Carispezia Termo: Canova 1, Donati 3, Reke 25, Puliti 8, Canova, Griffits 8, Tava 6, Sant 15, Perini 2, Mugliarisi. Coach: Pablo Crudeli.

Techmania Battipaglia: Orazzo 2, Marchetti, Tagliamento 11, Bonaria 3, Ngo Ndjock 9, Williams 25, Treffers 17, Russo 2, Diuof, Ramò 14, Tunstull 7, Costa 2. Coach: Massimo Riga.

Arbitri: Alessandro Costa, Leonardo Solfanelli e Veronica Restuccia.

LA SPEZIA – Alla Virtus Carispezia Termo di patron Brunetto non basta una super Reke per battere le ragazze di coach Riga, che si impongono al Palasprint superando le spezzine per 92 a 68. Si chiude così, con un'amara sconfitta, il girone di andata della serie A1 femminile, con le biancocelesti ferme a quota 6 punti, al penultimo posto, insieme a Orvieto, che non riesce a imporsi contro Umbertide. Chiude la classifica la Triestina, che ieri perde, come da pronostico, contro Ragusa.

"Non ci voleva questa sconfitta – dichiara coach Pablo Crudeli -, non abbiamo dato il cento per cento delle nostre possibilità. Sapevamo che quella di ieri sarebbe stata una partita molto difficile. Battipaglia è una squadra in crescita e anche se noi stiamo cercando di crescere giorno dopo giorno non era facile vincere, perché dobbiamo fare i conti con tantissime difficoltà, che comunque supereremo.
Credo che al di là del risultato – si avvia a conclude -, stiamo migliorando. Bisogna lavorare tanto sugli aspetti difensivi, con la speranza di riniziare il girone di ritorno in tutt'altro modo".

E' chiaro che le ragazze si aspettavano di chiudere l'anno in modo diverso, ma ora c'è da rimboccarsi le maniche, con la speranza che il 2015 porti qualche gioia in più. "Sicuramente abbiamo subito troppo dalle loro lunghe – dichiara Alessandra Tava -, abbiamo problemi grandi in difesa. Da una settimana a questa parte stiamo lavorando in modo diverso anche da un punto di vista offensivo quindi forse ci vuole un po’ più di tempo per ingranare. Mi rendo conto che durante la partita non riusciamo a essere costanti e dobbiamo lavorare anche per mantenere alta la concentrazione".
Ma il presidente Lorenzo Brunetto, analizzando questo girone di andata, non è con le ragazze che se la prende, ma piuttosto con chi non è riuscito a mettere questa squadra nelle migliori condizioni per affrontare un campionato di A1.

"Battipaglia è una squadra di un altro livello – dice -, su questo non c'è dubbio. Noi ancora una volta abbiamo perso il filo, concedendo troppo. Sono un po’ preoccupato, anche se l’allenatore sta facendo del proprio meglio. Credo che non possiamo però sottovalutare l'aspetto relativo al fatto che ieri è come se avessimo giocato fuori casa, in quanto eravamo al Palasprint. Purtroppo riusciamo ad allenarci la sera solamente due volte a settimana, il martedì e il venerdì. Molte delle ragazze al mattino lavorano, quindi spesso e volentieri agli allenamenti non siamo mai al completo. Per tutti questi motivi ritengo sia impossibile criticare questa squadra. Mi sento in difficoltà a prendermela con loro, piuttosto me la devo prendere con chi ancora oggi non ci permette di preparaci come dovremmo, nonostante abbiamo ampiamente dimostrato di aver pagato cifre in più rispetto al dovuto. Eppure si fa ancora silenzio, nessuno dice niente. Questo è il modo di gestire lo sport in questa città", conclude.

Più informazioni su