laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Appalti, stipendi bassi e mancanza di diritti

Più informazioni su

La CGIL chiede le firme per una legge di iniziativa popolare. 

LA SPEZIA – Alla Spezia il mondo degli appalti racconta di assenza di diritti, stipendi non pagati, vite al limite della sussistenza. Sono moltissime le ditte che lavorano in appalto per la sanità, le pulizie, i servizi sociali e di igiene pubblica: si calcola che 800 siano i lavoratori delle cooperative della sanità, intorno ai mille nelle pulizie, 500 nelle cooperative sociali. E c’è il grande problema degli gli appalti al ribasso, in cui il livello di sfruttamento è altissimo ed il servizio finale è spesso di scarsa qualità, perché tutto deve essere fatto a minor costo e in meno tempo. La Camera del Lavoro spezzina ha calcolato che la perdita di retribuzione dei lavoratori delle cooperative, a causa dei tagli e dei vincoli di stabilità finanziaria degli Enti, è del 60% nel settore delle pulizie nelle scuole, in provincia e in comune della Spezia; 40% in ATC, 30% alla ASL e sta per scoppiare il caso delle Poste, a causa della razionalizzazione che porterà alla chiusura diversi sportelli sul territorio.

«E il Job Act ha peggiorato sensibilmente la situazione – dice Lorenzo Cimino, segretario generale della CGIL spezzina – mentre prima ai cambi di appalto i lavoratori erano comunque garantiti nella continuità, la ditta che subentrava era obbligata ad assumere i lavoratori ella ditta appaltatrice precedente, adesso con il contratto a tutele crescenti il vincolo cade.»

La CGIL ha lanciato la campagna nazionale “Mettiamoci una firma sopra”, un’iniziativa di legge popolare con l’obiettivo di garantire i trattamenti dei lavoratori, contrastare le pratiche di concorrenza sleale tra le imprese, tutelare l'occupazione nei cambi di appalto. Se ne parlerà domani pomeriggio alla Sala Marmori in Camera di Commercio alle 16:00. Interverranno: Lorenzo Cimino, Segretario camera del Lavoro; Luca Comiti, FILCAMS La Spezia; Alessandra Guazzetti, FP La Spezia; Matteo Bellegoni, FIOM La Spezia; Eloisa Guerrizio, Tavolo delle Povertà La Spezia; Sandro Frega, Legacoop Liguria; conclusioni: Franco Martini, Segretario CGIL nazionale.

Più informazioni su