laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Progetto di Educazione sanitaria

Più informazioni su

ARCOLA – Si avvia alla conclusione il progetto di Educazione sanitaria organizzato da S.o.s. Sanità Spezzina, Pubblica Assistenza Croce Verde Arcola e Comune di Arcola, su idea del Dottor Lorenzo Cozzani. Particolare successo ha avuto l’ultimo incontro, svoltosi sabato 7 marzo presso la sala polivalente sul tema dell’emergenza-urgenza: come riconoscerla ed affrontarla. Relatore il Dottor Daniele Bertoli, Primario di Cardiologia dell’ospedale San Bartolomeo di Sarzana.

In particolare si è messa in risalto l’importanza della tempestività per il buon esito di un arresto cardiocircolatorio, ma soprattutto la necessità di avere un defibrillatore semiautomatico esterno (DAE) in ogni luogo pubblico.  Le probabilità di sopravvivenza diminuiscono del 7/10% per ogni minuto trascorso senza rianimazione. La mattina si è conclusa con una dimostrazione, da parte dei militi della Croce Verde, di un intervento di rianimazione cardio polmonare, con utilizzo del defibrillatore semiautomatico esterno (DAE), su un paziente colpito da arresto cardiocircolatorio. La dimostrazione ha suscitato molto interesse nei presenti ed il lavoro dei militi è stato particolarmente apprezzato dai medici in sala. Per tutti coloro che desiderano sapere come comportarsi in caso di emergenza sanitaria, cosa fare e soprattutto cosa non fare, ogni mercoledi, a partire dalle ore 21 è possibile partecipare ai corsi sui protocolli sanitari, organizzati per i militi ma aperti a tutti.

Il ciclo di incontri sulla cultura sanitaria, si concluderà sabato 21 marzo alle ore 10, sempre presso la Sala Polivalente, relatrice la Dottoressa Elena Carabelli (Aiuto Neurologia Ospedale della Spezia, responsabile Demenze) che tratterà l’argomento “Disturbi della memoria”.

Il Presidente della Pubblica Assistenza Croce Verde, invita invece tutta la cittadinanza a partecipare, sabato 14 marzo alle ore 10, in sala polivalente, ad un incontro tra l’associazione ed i cittadini. “Si tratta – spiega – di un momento di aggregazione per conoscersi, presentare alla cittadinanza i nostri progetti e ascoltare le proposte della gente.

Più informazioni su