laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

LATINA – SPEZIA 1 – 2 | Giannetti – Catellani: l’esame di “Latina” è superato a pieni voti

Più informazioni su

Prima Giannetti, poi Catellani: lo Spezia compie l'impresa a Latina e si porta a 49 punti. Nel finale accorciano i laziali, ma i ragazzi di Bjelica non si fanno intimorire, portando a casa la prima vittoria esterna del 2015.

Tappa numero 32 per i ragazzi di Bjelica, in scena in quel di Latina nel primo pomeriggio primaverile. La cornice è il Domenico Francioni, terreno in cui negli ultimi mesi, la formazione allenata da Mark Iuliano ha ottenuto risultati importanti, mettendo così alle spalle una brutta classifica.

Sono 37 i punti dei laziali, mentre 46 quelli dello Spezia, in piena zona play off.

Per i liguri confermato il 4-2-3-1 con Chichizola tra i pali, mentre in difesa la novità è Nahuel Valentini al centro, al fianco di Matteo Bianchetti, con Mato Milos e Francesco Migliore a presidiare le corsie laterali. L'altra novità di giornata porta il nome di Marko Bakic, schierato a centrocampo in coppia con Juande, mentre dietro al ritrovato Giannetti, il trio composto da De Las Cuevas, Catellani e Situm.

4-3-3 per i padroni di casa che schierano  Di Gennaro in porta, Ristovski e Alhassan terzini, con Dellafiore e Brosco centrali, Valiani e Ammari in mediana al fianco di Viviani, mentre in avanti Odoumadi, Sowe e Bidaoui.

Dirige l'incontro il Signor Abisso della sezione di Palermo, coadiuvato dagli assistenti Valeriani e D'Apice. Quarto uomo Paolini.

Pronti, partiti e Spezia subito in vantaggio al 7' con bomber Giannetti, che di piatto appoggia in rete il cross dalla destra di Catellani, bravo ad approfittare dello scivolone di Alhassan, sfortunato nell'occasione.

La risposta del Latina non si fa attendere e Sowe, un minuto più tardi, sfiora il pareggio, ma Valentini compie un grande anticipo, spazzando in angolo.

Partita viva, con le due squadre che non rinunciano alla manovra offensiva: al 12' ci prova ancora Giannetti, ma Di Gennaro para in due tempi. Due minuti dopo tenta, invece, la conclusione dal limite Ammari, ma il pallone termina sul fondo.

Decisa la spinta dei laziali, con il nigeriano Ouduamadi che al 15' colpisce di testa, non trovando per poco la porta. Replica delle Aquile affidata a Situm, ben imbeccato da De Las Cuevas, ma la girata al volo del numero 18 croato si spegne di poco sopra la traversa.

Si arriva così al 29' con il contropiede iniziato e concluso da Bianchetti, che prima strappa palla dai piedi di Sowe, poi combina con Catellani e dopo un dribbling in area, prova il destro a giro, ma la difesa avversaria allontana.

Il Latina tenta di affacciarsi in avanti, ma la retroguardia aquilotta è impeccabile.

Al 31' punizione di De Las Cuevas, colpo di testa di Giannetti e pallone di poco alto.
 
Sul finire del primo tempo Milos recupera su Bidaoui, ma il rinvio del difensore finisce tra i piedi di Ammari che dal limite impegna Chichizola. Pochi istanti dopo, sugli sviluppi di un calcio di punizione battutto da Viviani, Bidaoui non trova la conclusione in piena area.

Sul capovolgimento di fronte, Catellani, dopo aver orchestrato un contropiede, cambia gioco per Situm a sinistra, il quale, dopo essersi accentrato, sfodera un destro a giro che va poco lontano dal bersaglio.

Finisce così la prima frazione di gioco, con lo Spezia in vantaggio sul Latina per uno a zero.

Alla ripresa, scendono in campo gli stessi 22 dei primi 45 minuti di gioco.

Al 3', doppia occasione per i padroni di casa, prima con il cross di Valiani che attraversa tutta l'area senza trovare nessun compagno e poi con una mischia in area risolta da Valentini.

Lo stesso Valiani, all' 8', dopo esser stato servito in area, coclude di mancino, andando vicino alla rete dell'uno a uno.

Primo cambio per il Latina al 14', con Viviani, infortunato, costretto ad uscire al posto di Dou Dou' Mangni. Gli uomini di Iuliano passano così al 4-2-3-1.

E' lo Spezia però ad affacciarsi con più decisione in avanti: al 17' magia di De Las Cuevas in area, servito da un filtrante di Giannetti, e sinistro che finisce sull'esterno della rete.

L'appuntamento con il raddoppio è però rimandato di un minuto, quando, sul cross di Migliore da sinistra, Catellani controlla al limite e gira al volo alle spalle di Di Gennaro. Splendido gol dell'attaccante aquilotto, alla tredicesima rete in campionato.

Il Latina però non ci sta e, dopo aver sfiorato l'uno a due al 20' con il neo entrato Dou Dou' Mangni, trova la via del gol con Ouduamadi, bravo, prima nel saltare un distratto Migliore, e poi nel concludere alle spalle di Chichizola. Seconda rete in campionato per l'attaccante scuola Milan.

I nero – azzurri trovano così fiducia, andando vicini al pareggio con uno scatenato Ouduamadi che, dopo aver raccolto un cross dalla sinistra di Bidaoui, sul limite dell'area piccola, si trova davanti un muro bianco.

Corre dunque ai ripari Bjelica, gettando nella mischia Piccolo al posto di Catellani e ridisegnando la squadra con il 3-5-2.
Dentro anche Acampora per De Las Cuevas e Nenè per Giannetti.

Ci prova il Latina al 35' con la pericolosa conclusione da fuori di Alhassan, di poco spentasi sul fondo. Tre minuti dopo, sfortunati i laziali, a un passo dal pareggio: siluro di Valiani dai trenta metri, Chichizola battutto, ma pallone che si stampa sul palo.

Al 41', fuori Ouduamadi, dentro Litteri.

Inutili gli ultimi assalti dei padroni di casa: sono le Aquile ad espugnare il difficile campo del Latina. Prima vittoria esterna del 2015 per lo Spezia che si porta così a quota 49, al quarto posto in classifica.

Davvero una grandissima prova quella dei bianchi, cinici nel trovare il doppio vantaggio e al tempo stesso maturi nel saper gestire gli attacchi di un Latina che al Francioni aveva impensierito negli ultimi mesi non poche squadre.

Prosegue dunque il magico volo delle Aquile: di certo, la saggezza di quest'oggi e una condizione fisica che migliora di giornata in giornata, fanno ben sperare per il futuro.
Ora tutti alla fiera alla festeggiare! Ma non troppo però: i delfini del Pescara sono infatti dietro l'angolo.

Andrea Licari

Più informazioni su