laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Appello di Bellegoni e Cimino alla politica su Fincantieri e sciopero FIOM

Più informazioni su

LA SPEZIA – In questi giorni la protesta dei lavoratori del cantiere Muggiano, sostenuta da tutti i lavoratori delle ditte d’appalto, ha fatto sì che il cantiere divenisse un luogo simbolo per tutto il nostro territorio.

Gli attacchi ai diritti e al salario dei lavoratori, ancor più gravi perché portati avanti da un’azienda a maggioranza pubblica, le incertezze circa il futuro industriale in Italia, pongono alcuni interrogativi che vanno ben oltre la vertenza Fincantieri.

Ci troviamo dinnanzi ad un’Azienda che chiede ai lavoratori di “pagare” il prezzo della competizione globale, che vuole depotenziare la propria presenza in Italia, che vuol far ricorso al lavoro precario e spogliarsi d’ogni responsabilità circa i lavoratori degli appalti, rendendo ancora più incerto il già precario rispetto dei loro diritti.

Se Fincantieri si vuole ergere a modello industriale per tutto il Nostro Paese, domani, davanti ai suoi cancelli, ci saranno tutti coloro che intendo combattere quel modello e ne chiedono uno radicalmente diverso per Fincantieri e per il Paese intero.

Ai nostri parlamentari, alle istituzioni regionali e territoriali, attuali e a chi si candida per guidarle in futuro, chiediamo da che parte stanno, se simbolicamente stanno con quel modello industriale futuro e con un’Azienda miope ed arrogante che ha rifiutato di far svolgere la propria manifestazione democratica davanti ai propri locali, oppure stanno con gli operai metaforicamente “cacciati” fuori dai cancelli, che chiedono un modello di sviluppo diverso per sé e per il Paese.

Domani i lavoratori metalmeccanici saranno presenti davanti ai cancelli del Muggiano, l’appello che facciamo è quello di non lasciarli soli.

Matteo Bellegoni
Segr. Gen. FIOM – CGIL
LA SPEZIA

Lorenzo Cimino
Segr. Gen. CGIL LA SPEZIA

Più informazioni su