laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Mostra artistica in Borgata a Lerici

Più informazioni su

LERICI – Mostra di Brucio al secolo Marco Degl’Innocenti  all’Arci Borgata Marinara di Lerici
Inaugurata da qualche giorno sarà visitabile sino al mese di Aprile nei locali del circolo di Piazza Garibaldi di Lerici
‘Siamo contenti di ospitare la mostra di un talentuoso compaesano che ha avuto successi anche fuori provincia. La borgata si conferma un luogo di aggregazione,  arte e musica attivo a Lerici 365 giorni all’anno’ dichiara il presidente Marco Greco. 

Breve biografia
Studia architettura, dal 2004 pubblica fumetti e illustrazioni su Lo-fi comics, partecipando anche alla coproduzione di alcuni fumetti (Lo-ficomics.net) . Collabora assieme a Mescaleroscrew (mescaleros.it). Dal 2005 è membro del consiglio dell'associazione AXMO. L'associazione si occupa di ideazione, promozione, organizzazione e supporto tecnico di eventi culturali. Tra cui "LaNuovaCittàVecchia" che vedrà quest'anno la seconda edizione.
Nel 2013 ha collaborato con Battigia , un’ iniziativa che mira a coinvolgere  artisti che passano o vivono nel Golfo in esposizioni personali e collettive  in spazi pubblici e privati .
Dal 2014 pubblica alcune tavole e fumetti sulla fanzine fiorentina "Il Soppalco".
(ilsoppalco.bbqlab.net/tag/soppalco/)

Questa è la critica dell’amico critico cieco.
(alias Mescaleros Crew)
'Paesaggi disumani, di fantasia, visioni distorte che a volte diventano distopiche e capovolgono tutto per riportarlo da nessuna parte. Disegni su tavole di legno che affondano le radici nei solchi tracciati dalla lama di un taglierino. Dapprima solo un segno a matita, poi uno "stencil" che assorbe il colore e solo dopo essersi spogliato del superfluo appare a noi fruitori. C'è una linea trasversale che dai tratti primitivi dell'arte umanoide arriva alla cultura hip hop, torna indietro alle rivelazioni espressioniste e nuovamente schizza fino alle rivoluzioni pop, alla psichedelia e poi c'è il fatto di essere da subito riconoscibile (o irriconoscibile se si parla dell'autore) , d'impatto, originale. C'è la comunicazione quasi istantanea di uno stato d'animo che potrebbe ripetersi all'infinito come un loop. I paesaggi sono reali ma come svuotati , raramente vi è presenza umana , ci sono delle figure che che potrebbero appartenere ad altri regni oltre le nuvole. Come le luci della notte e le ombre del giorno nelle tavole di Brucio , il rovescio diventa il dritto e le cose assumono un altro aspetto, più cupo, inquieto. Il paesaggio spoglio ci appare surreale solo perché fedele trasposizione dell'immagine della realtà dell'autore, di un momento preciso che poi diventa un periodo, che si scioglie in gocce di acrilico.'  Hermann Ponola

Più informazioni su