laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Primi interventi manutentivi del bene confiscato alla criminalità organizzata

Più informazioni su

ARCOLA – Bene confiscato alla criminalità organizzata, si comincia con i primi interventi manutentivi: impianti elettrici ed idraulici, videosorveglianza, pulizie e rimozione rifiuti in amianto. La Giunta comunale approva l’elenco dei primi interventi pari a circa 22mila euro ed affida alle singole aree interessate gli obiettivi da completare. L’Area ambiente dovrà occuparsi, attraverso incarico a Ditta specializzata, dello smaltimento dei rifiuti contenenti amianto, costituenti la copertura della struttura reticolare metallica, ubicata nel piazzale di accesso all’immobile e dell’allaccio fornitura energia elettrica, a servizio dell’edificio operai e locale officina, da collocarsi in adiacenza all’attuale quadro e acqua potabile (allaccio e consumo annuale). Il Comando di Polizia Municipale è incaricato di procedere alla gestione del servizio di vigilanza, con l’ausilio di impianto di videosorveglianza ed avvalendosi, ove occorra, di ausilio esterno per la copertura della vigilanza oltre il normale orario di lavoro svolto dal Comando dell’Ente. Infine le Aree Lavori Pubblici e Socio Amministrativa, si occuperanno rispettivamente di: attività di manutenzione ordinaria svolta in amministrazione diretta da parte del personale operaio con acquisto dei materiali occorrenti e di pulizia e disinfestazione. L’Amministrazione comunale è entrata definitivamente in possesso del bene alla metà del febbraio scorso, dopo una lunga attesa durata quasi due anni. Il complesso è composto da un fabbricato, manufatti, accessori e un piazzale destinato allo stoccaggio, per una superficie complessiva di circa 8000 metri quadrati (tra superfici coperte e piazzale). La proprietà è disposta in piano ed interamente recintata con muro in cemento armato, all'interno dell'area sono ubicati diversi fabbricati, consistenti in prevalenza da capannoni con struttura in ferro, dei quali deve ancora essere valutata l’idoneità all’uso.
“Questi primi interventi – anticipa il Sindaco Emiliana Orlandi – sono necessari per consentire in tempi sufficientemente rapidi, un primo utilizzo della struttura. In questo momento la necessità impellente è quella di trovare una collocazione alla sede operai e di tutti i mezzi e le attrezzature, valutando nel futuro una sua destinazione legata al sistema di protezione civile, con possibile ricollocazione del Centro operativo Comunale (Coc), attualmente ospitato dentro la Mondoteca per ragazzi.

Più informazioni su