laspezia.cronaca4.it - La Spezia News in Tempo Reale

Giornata mondiale della gioventù

Più informazioni su

LA SPEZIA – Grande partecipazione alla Giornata mondiale della gioventù (gmg) che si è tenuta a livello diocesano sabato a Sarzana, in comunione con tutte le altre diocesi del mondo. Fin dal pomeriggio, varie decine di ragazzi e adolescenti hanno preso parte alle attività ricreative, di riflessione e preghiera organizzate dai volontari della Pastorale giovanile. Oltre centocinquanta giovani hanno partecipato alla cena nel seminario diocesano, prima di raggiungere la centralissima chiesa di Sant’Andrea per la veglia delle Palme con l’adorazione eucaristica presieduta dal vescovo Luigi Ernesto Palletti.

«Gesù vuole che diventiamo sempre più consapevolmente suoi discepoli. Questo richiede volontà e attenzione. Altrimenti, la nostra vita rischia di essere guidata dalle nostre idee, non dalla Sua presenza», ha detto mons. Palletti davanti ad oltre duecento tra ragazzi, giovani, suore e sacerdoti.
La Pasqua deve essere un’occasione di riflessione. «Bisogna vedere che cosa gli eventi pasquali significano nella nostra vita di discepoli. È la comunione con Dio, infatti, che ci rende veramente pieni e felici. A volte siamo tanto impegnati da non riuscire a metterci di fronte a Lui. Invece, bisogna avere un rapporto personale con Dio. Non un rapporto privato, un Dio “fai da te”, ma un rapporto di dialogo. Il Signore, infatti, chiama sempre. Quante grandi vocazioni, quanti progetti di vita! Ma è necessaria la nostra attenzione e disponibilità alla sequela. Allora vivremo le beatitudini, diventeremo discepoli e il nostro cammino diventerà interessante per noi e per gli altri. Diciamo fin da ora “sì” al Signore, anche se non vediamo con chiarezza cosa ci sta chiedendo!».

Il pensiero e la preghiera del vescovo sono andati infine ai cristiani perseguitati nel mondo. «Noi oggi qui siamo liberi e sereni. Ma molti nostri fratelli nella fede non possono celebrare così la Gmg. Noi non siamo fortunati. Piuttosto, siamo incaricati di pregare per loro e accogliere la loro testimonianza. Se la persecuzione non ci ha ancora toccato, è perché a noi oggi è chiesto di lasciarci interpellare. Loro sanno morire per Cristo, noi sappiamo vivere per Lui?».
Durante la veglia, alcuni partecipanti sono rimasti fuori dalla chiesa, lungo la strada, per offrire ai numerosi passanti dei biglietti con citazioni del Vangelo e del Papa. E alla fine il responsabile della Pastorale giovanile, don Luca Palei, ha chiesto ai giovani di scambiarsi un braccialetto o rosario come segno e impegno di preghiera reciproca.
Il prossimo evento in programma per la Pastorale giovanile è la grande veglia di Pentecoste, sabato 23 maggio in cattedrale. Ma, per gli “over 19”, l’appuntamento è già per il 17 aprile, quando alla Cittadella della Pace di Pegazzano si terrà un nuovo incontro della serie dei “Venerdì col vescovo”. La prossima edizione della Gmg, invece, si terrà a livello internazionale a Cracovia, nell’estate del 2016.

Più informazioni su